facebook twitter rss

Crisi Fornari spa,
c’è l’accordo di ristrutturazione:
ai creditori 11 milioni

CIVITANOVA - Lo storico marchio di calzature è in liquidazione da anni. Gli altri tre tentativi di concordato erano naufragati
martedì 11 Giugno 2019 - Ore 16:23 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
39 Condivisioni

Il tribunale di Macerata

 

A distanza di oltre sei anni dalla crisi, per l’azienda Fornari spa di Civitanova è stato omologato l’accordo di ristrutturazione con una percentuale di oltre 95% di creditori aderenti. Il tribunale di Macerata ha depositato l’omologazione il 3 giugno. Nel complesso l’esposizione debitoria verso banche e fornitori si aggirava sui 67 milioni di euro, con l’accordo che è stato raggiuto l’azienda dovrà versare circa 11 milioni di euro. A lavorare per ottenere questo risultato un team di professionisti che è riuscito a chiudere 250 accordi con i singoli creditori. Nel team: il liquidatore, Mauro Sebastianelli, l’advisor finanziario Marco Trapanese (entrambi dello studio Trapanese Stp di Ancona) e gli advisor legali, gli avvocati Fiorenzo Principi e Carla Scarpetta. «Un risultato ottimo» commenta Scarpetta. La fumata bianca alla fine è arrivata con la quarta proposta di concordato (la prima risaliva al 2013) dopo che la crisi era iniziata nel 2012. Lo storico marchio della calzatura, diventato famoso a livello internazionale con la sneaker Fornarina, è in liquidazione. Nel 2016 sono stati ceduti i marchi Fornarina, Nose e Fornari ad un gruppo cinese che sta continuando i proprio la produzione (proprietà e marchi che sono slegati alla vicenda giudiziaria della Fornari spa). La quarta richiesta di concordato alla fine è stata quella che si è chiusa con successo dopo i fallimenti delle tre precedenti, avvenuti per vari motivi. Tra i creditori della Fornari spa ci sono diverse banche: Intesa, Do bank, Preliof credit, Banca Ifis, Italfondiario, Cerved, Bnp Paribas leasing. Grazie agli accordi fatti e omologati dal tribunale di Macerata saranno versati nel complesso 11 milioni di euro, anziché i 67 milioni di euro che era l’esposizione.

(Gian. Gin.)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X