Giungla sae, stipendi arretrati:
i lavoratori incrociano le braccia

VISSO - Lunedì mattina la Cgil ha indetto quattro ore di sciopero e lo stato di agitazione: gli operai impegnati nell'area Cesare Battisti I da settembre ad oggi hanno percepito solo degli acconti
- caricamento letture
cgil-casette-sae-2-650x488

Da sinistra Massimo De Luca e Daniel Taddei

 

Primo sciopero nei cantieri delle casette: gli operai incroceranno le braccia a Visso. Per lunedì mattina la Cgil ha indetto quattro ore di sciopero e proclamato lo stato di agitazione nell’area sae Cesare Battisti I. Il motivo: da settembre ad oggi i lavoratori hanno percepito solo acconti di stipendio e ora pretendono il saldo, compresi i Tfr per i contratti scaduti a fine febbraio. Saranno poco meno di una trentina, tutti italiani, tra coloro che ancora sono al lavoro e gli altri che hanno terminato ma torneranno appositamente. La proprietà, una delle aziende che si occupa delle opere di urbanizzazione, aveva promesso che i soldi sarebbero arrivati entro ieri, poi oggi e infine per lunedì mattina. Se la promessa sarà mantenuta gli operai torneranno al lavoro, in caso contrario l’assemblea deciderà come procedere da martedì in poi. E’ l’ennesimo capitolo dell’inchiesta sulle irregolarità nei cantieri delle casette per gli sfollati portata avanti dalla Cgil, che conta già oltre 50 vertenze e un centinaio di segnalazioni di operai. L’ultima delle quali, con gli atti finiti in procura, riguarda addirittura un lavoratore egiziano clandestino che si è autodenunciato (leggi l’articolo). «Auspichiamo – commenta Massimo De Luca, Fillea-Cgil – che lunedì mattina, così come promesso dalla proprietà, si possa arrivare alla soluzione del problema, in modo da poter riprendere i lavori e terminarli quanto prima, visto che i cittadini attendono le tanto agognate casette ormai dai 18 mesi. L’area in questione ci risulta abbia un costo complessivo di circa 4mila euro al metro quadro e la domanda nasce spontanea: com’è possibile che con 4mila euro al metro quadro si faccia fatica a pagare la giornata dei lavoratori? E’ una domanda amara questa che ci poniamo».

 

 

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X