Civitanovese, l’avvocato Cozzone:
“Deluso dall’atteggiamento di Cellini”

ROSSOBLU - Il legale del club attacca il presidente regionale dopo l'ufficializzazione degli organici da parte della Figc Marche, che ha inserito la formazione di mister Nocera in Prima Categoria: "Decisione incomprensibile e senza la comunicazione delle motivazioni. Evidentemente non se l'è sentita di andare contro alcune società di Promozione. Stiamo preparando il ricorso, sarà pronto tra giovedì o venerdì"
- caricamento letture

civitanovese-vastese-2-325x217

 

di Michele Carbonari

«Quello che più mi lascia amareggiato e deluso di tutta questa vicenda è stato l’atteggiamento del Comitato regionale Marche e del presidente Paolo Cellini». E’ l’avvocato della Civitanovese Michele Cozzone, in attesa di ultimare il ricorso per chiedere l’ammissione almeno alla Promozione, a prendere una netta posizione nei confronti del numero uno della Figc marchigiana dopo che il club rossoblu, con il comunicato ufficiale numero 11 emesso oggi, è stato inserito in sovrannumero nel campionato di Prima categoria. Dopo aver precisato che il ricorso «sarà pronto tra giovedì o venerdì. Lo invieremo al Collegio di Garanzia del Coni tramite Pec. Comunque non abbiamo tutta questa fretta, anche perché al momento gli uffici di Roma sono chiusi e apriranno solo il 28 agosto. Poi entro dieci giorni, sempre dalla capitale, fisseranno una data in cui verrà discusso il nostro caso», il legale del club del patron Mauro Profili precisa alcune tappe della vicenda e il suo giudizio sulle decisioni della Figc Marche: «Quando all’inizio abbiamo presentato l’istanza con la richiesta di ammissione in Eccellenza o Promozione, l’ufficio legale di Roma ci ha risposto, così come anche al sindaco, che la scelta della categoria al di sotto del massimo campionato regionale, quindi dalla Promozione in giù, sarebbe spettata al Comitato regionale, proprio come è avvenuto. Ma visto che si trattava di una scelta discrezionale, non capisco come mai non ci sia stata data la Promozione, come neanche la motivazione della Prima – sottolinea – Trovo questa decisione inspiegabile, incomprensibile. Evidentemente Cellini non se l’è sentita di andare contro alcune società di Promozione. Per tali questioni, secondo me, non servirebbe arrivare fino al Collegio di Garanzia, ma soltanto buon senso all’interno del Comitato regionale – conclude l’avvocato Michele Cozzone -. Comunque, per come si è messa la situazione, con molto realismo devo dire che l’Eccellenza è ormai impossibile, la Promozione invece è più fattibile. Infine, vorrei fare un appunto. Io solitamente sono molto critico con i miei clienti. Ma credo che Mauro Profili, in quei pochi giorni che ha avuto a disposizione, poteva fare ben poco di più. Già è un miracolo che è riuscito a creare una nuova società». I tifosi rossoblu dovranno quindi attendere con ansia i primi giorni di settembre per poter sperare di seguire la propria squadra almeno nel campionato di Promozione.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X