Crollo del ponte, il Codacons:
“Tragedia evitabile,
ma non ci hanno ascoltato”

DRAMMA IN A14 - L'associazione ha reso noto alcuni documenti in cui chiedeva al ministero dei Trasporti di stimolare i controlli sui cavalcavia autostradali. Le richieste non vennero accolte e ne seguì un ricorso al Tar
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

crollo-ponte-autostrada-16-650x366

Immagini aeree del crollo del ponte

 

crollo-ponte-autostrada-12-400x225

 

Il Codacons sul crollo del ponte in A14, «una tragedia che si poteva evitare se ministero dei trasporti e giudici avessero accolto le nostre richieste di interventi di sicurezza sui cavalcavia». L’associazione di consumatori  rende noti alcuni documenti dopo i fatti avvenuti ieri alle 13,30 nel tratto di autostrada del comune di Camerano. A causa del crollo sono morti marito e moglie, Emidio Diomede di 61 anni e la moglie, Antonella Viviani, 55, residenti a Spinetoli. Il 31 luglio 2012 il Codacons aveva presentato una formale diffida al ministero dei Trasporti, chiedendo di «voler utilizzare ogni strumento… allo scopo di stimolare gli enti proprietari delle strade sovrappassanti… ad adoperarsi per ottenere che gli stessi pongano in essere tutti i controlli necessari ad accertare la situazione e a disporre immediate verifiche straordinarie delle strutture di protezione installate su ponti e cavalcavia delle autostrade e delle strade sopraelevate onde accertare il loro stato, l’effettiva capacità contenitiva ed il livello di sicurezza a tutela degli utenti delle strade, verificando altresì se il piano viario sovrastante i cavalcavia e le strutture che lo compongono (barriere laterali, in particolare) rispondono alla normativa, anche tecnica, vigente e, in ogni caso, se le riparazioni e le  manutenzioni straordinarie siano state fatte fino ad ora e se sì, se siano state eseguite secondo le regole dell’arte».

crollo-ponte-autostrada-9-400x242Richieste che, spiega il Codacons,  non vennero accolte, e l’associazione aveva fatto ricorso, nel 2013, al Tar del Lazio contro il ministero delle Infrastrutture e dei trasporti, all’epoca guidato da Maurizio Lupi, depositando un’istanza istruttoria in cui si ribadiva la richiesta di verificare la sicurezza dei ponti cavalcavia delle autostrade nonché chiedendo di voler acquisire in via di giudizio relazioni, ispezioni e tutti gli ulteriori ed eventuali atti di vigilanza e controllo effettuati a partire dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti sino ad arrivare agli enti territorialmente competenti. I giudici del Tar rigettarono l’istanza dell’associazione, sostenendo che «nel caso di specie, non essendo richiesta l’adozione di specifica attività provvedimentale ma la mera attivazione di poteri di vigilanza al fine di stimolare enti terzi ad attivare a loro volta attività di vigilanza e controllo, il ricorso si palesa inammissibile».

crollo-ponte-autostrada-13-400x225Anche il Consiglio di Stato, cui il Codacons si era rivolto in appello, aveva rigettato le richieste dell’associazione, scrivendo che «l’omissione dell’adozione del provvedimento finale assume il valore di silenzio-inadempimento solo nel caso in cui sussisteva un obbligo giuridico di provvedere, cioè di esercitare una pubblica funzione […] nel caso di specie non ricorrono tali presupposti». «Per i giudici italiani, in sostanza, non esiste in capo alla pubblica amministrazione alcun dovere di intervenire sulla sicurezza di ponti e cavalcavia a seguito di formale richiesta degli utenti, perché non si configura un obbligo in tal senso – spiega il presidente Carlo Rienzi – Rimane ora l’amarezza per le vittime dell’A14 e il forte dubbio che, se il ministero dei Trasporti avesse accolto le nostre richieste, forse questa tragedia si sarebbe potuta evitare».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X