Ricostruzione, Gentiloni:
“Più poteri a Errani e Protezione civile”

SISMA - Il premier questa sera in diretta da Fazio ha spiegato come intende snellire le pratiche burocratiche: "Se vogliamo dare garanzie di ritorno alla normalità bisogna essere più veloci"
- caricamento letture

gentiloni-visita-a-san-ginesio-vigilia-di-natale-foto_lb-11-400x267

Al centro Gentiloni a San Ginesio il 24 dicembre, con lui a destra Vasco Errani

 

“Un’accelerazione nei prossimi 4 o 5 giorni per evitare strozzature burocratiche”. Così il premier Paolo Gentiloni stasera in diretta su “Che tempo che fa” ha annunciato che la sua ricetta per la burocrazia che rallenta la ricostruzione nelle zone colpite dal terremoto è “dare più poteri alla Protezione civile e al commissario Vasco Errani – ha detto Gentiloni -. Tra le persone si è diffuso, tra neve e terremoto, un senso di disperazione. Se vogliamo dare garanzie di ritorno alla normalità bisogna essere più veloci e per questo bisogna dare a chi segue la ricostruzione poteri straordinari”. Sul coinvolgimento degli altri enti e istituzioni è “un lavoro – dice il premier – che faremo in questi giorni”. Gentiloni ha replicato anche alle polemiche scatenate intorno ai soccorsi all’hotel Rigopiano. “La reazione all’emergenza straordinaria per me è stata straordinaria – ha detto il premier -. La Protezione civile la ringrazio e la difendo, abbiamo uno dei migliori sistemi da 20 anni in Europa e nel mondo. Su ritardi e responsabilità la magistratura ci dirà i risultati degli accertamenti. Tuttavia attenzione a scatenare questa voglia di trovare capri espiatori. Temo di lasciarci andare a un paese un po’ incattivito in cui si cerca subito un giustiziere. La verità serve a far funzionare le cose meglio e non a cercare vendette”.

Ricostruzione, procedure assurde: lo Stato si faccia umano



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X