“Contributi dalla sanità privata
per la campagna elettorale”
Mozione di sfiducia a Ceriscioli

Movimento 5 stelle, Lega e Fdi-An chiedono alla Giunte di individuare un nuovo assessore tra figure che non abbiano ricevuto contributi da privati operanti a qualsiasi titolo nel settore sanitario
- caricamento letture

pd - ceriscioli - civitanova (9)
Luca Ceriscioli e un possibile conflitto di interessi per i finanziamenti ricevuti dal mondo della sanità privata in campagna elettorale. Questo il motivo alla base della mozione di sfiducia presentata da Movimento 5 stelle, Lega Nord e Fratelli d’Italia nei confronti dell’assessore alla Sanità e presidente della Regione. “Nella dichiarazione delle spese sostenute e delle obbligazioni assunte per la propaganda elettorale di Ceriscioli i contributi riconducibili a società operanti nel settore sanitario e nella progettazione o realizzazione di strutture sanitarie ammontano a circa la metà dell’intero importo delle spese sostenute” spiegano i firmatari in una nota, sottolineando in particolare “le dichiarazioni del presidente-assessore alla stampa a favore della sanità privata” e il fatto che, anche per i sindacati un incremento del privato in campo sanitario sarebbe  “un ulteriore duro colpo alla sanità pubblica”. Profilando un possibile conflitto di interessi, Movimento 5 stelle, Lega, e Fdi-An hanno presento la mozione sfiducia, chiedendo alla Giunta di “individuare un nuovo assessore tra figure che non abbiano ricevuto contributi elettorali da privati operanti a qualsiasi titolo nel settore sanitario”.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X