Uccide il figlio e poi si spara

TRAGEDIA DI SAMBUCHETO - Al momento l'omicidio-suicidio è l'unica ipotesi al vaglio degli inquirenti che stanno ricostruendo il dramma di oggi pomeriggio a Recanati dove i corpi senza vita di Laura Paoletti, 32 anni, e del piccolo Giosuè Lucaroni, 6 anni, sono stati trovati nell'appartamento dove vive il padre della donna
- caricamento letture

 

Laura Paoletti con il piccolo Giosuè

Laura Paoletti con il piccolo Giosuè

 

di Gianluca Ginella

(foto Lucrezia Benfatto)

Ha approfittato di un momento in cui era sola in casa, poi ha preso un fucile calibro 12 da un armadietto metallico e lo ha usato, esplodendo tre colpi con cui ha ucciso il figlio e l’ultimo lo ha utilizzato per togliersi la vita. Questa la ricostruzione, in base a quanto accertato dagli investigatori, di quanto accaduto intorno alle 14 di oggi in un appartamento che si trova al piano superiore di un capannone industriale a Sambucheto di Recanati. Morti un bambino di 6 anni, Giosuè Lucaroni, e la mamma, Laura Paoletti, 32 anni, che oggi ha deciso di imbracciare l’arma, regolarmente detenuta dal padre all’interno di un mobiletto, e compiere il terribile gesto. A scoprire i corpi di Laura Paoletti e del figlio Giosuè (che avrebbe compiuto 7 anni a marzo), è stato il padre della donna, Giuseppe Paoletti, che in questi giorni ospitava la figlia in attesa che la ragazza si trasferisse nella casa di campagna che sta ristrutturando. Una scena drammatica quella che si è presentata all’uomo quando è entrato nell’appartamento insieme alla compagna, Veruska Trivellini, con cui si era assentato da casa poco prima per accompagnarla dal parrucchiere.

Giuseppe Paoletti, il padre della donna

Giuseppe Paoletti, il padre della donna

 

L'avvocato Alessandra Perticarà

L’avvocato Alessandra Perticarà

All’ingresso c’erano i corpi senza vita della figlia e del nipotino, distesi vicini, sul pavimento. La donna, sempre in base a quanto emerge, aveva una ferita al collo, sotto il mento. Il bambino, il cui cadavere era in condizioni terribili, sarebbe stato invece raggiunto al volto. Il fucile è stato trovato sotto il corpo della donna. La ricostruzione dei carabinieri (sul posto sono intervenuti i militari del Reparto operativo di Macerata e della Compagnia di Civitanova e della Pg della procura), parla di un omicidio suicidio. Non sono stati trovati biglietti per spiegare il gesto. Né chi aveva sentito la ragazza in questi giorni aveva notato nulla di particolare. Sul posto è arrivata anche l’avvocato della donna, Alessandra Perticarà (GUARDA IL VIDEO CON L’INTERVISTA), che la stava seguendo nelle udienze che servivano per regolamentare il diritto di visita al piccolo Giosuè dell’ex compagno della donna, Lorenzo Lucaroni, 38 anni. In passato la ragazza, che si era separata da circa un anno dal convivente, aveva fatto “Una denuncia per stalking, ma non so di più” dice il legale, che all’epoca ancora non assisteva Paoletti. Ma tra la coppia c’erano state denunce reciproche, l’uomo perché voleva vedere il bambino. Anche ieri il legale aveva sentito la giovane donna: “Una persona solare, mi era sembrata tranquilla. Lei viveva per il figlio. E’ stato un gesto troppo forte per la persona che conoscevo”. Tranquilla era parsa anche a Luca Ferranti, socio insieme alla 32enne della Cartotecnica Ideal box, azienda di Recanati che si occupa della realizzazione di scatolame. L’uomo l’aveva sentita questa mattina: “Era tranquilla, come sempre. Abbiamo parlato di questioni di lavoro”. Dopo che i corpi di madre e figlia sono stati scoperti, sul posto sono arrivati i carabinieri con il comandante provinciale Stefano Di Iulio, e il colonnello Leonardo Bertini, comandante del Reparto operativo di Macerata. Sul luogo dell’omicidio anche il pm Claudio Rastrelli e il medico legale Mariano Cingolani (l’autopsia è stata fissata per lunedì). Tanti i curiosi assiepati di fronte al fabbricato in cui si è consumata la tragedia. Al momento del delitto l’ex convivente, che oggi avrebbe dovuto vedere il figlio, alle 16, si trovava nello studio di un professionista. Quando ha appreso la notizia l’uomo ha avuto un malore ed è stato portato in ospedale.

(Servizio aggiornato alle 20.50)

 

Sul posto l'ex sindaco Fabio Corvatta con la moglie, amici di famiglia

Sul posto l’ex sindaco Fabio Corvatta con la moglie, amici di famiglia

omicidio_recanati 3

Il colonnello Stefano Di Julio

omicidio recanati 5

omicidio sambucheto (1)

Il colonnello Leonardo Bertini

Il colonnello Leonardo Bertini

omicidio recanati 6

omicidio_recanati sambucheto

omicidio sambucheto

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X