Discarica di rifiuti pericolosi
Sequestrata area a Piediripa

MACERATA - A scoprirla è la polizia stradale insieme a quella provinciale. Era in un terreno di 500 metri quadrati concesso dal proprietario ad un nigeriano. Denunciati entrambi. Rischiano una multa fino a 26mila euro
- caricamento letture
Il materiale sequestrato nell'area

Il materiale sequestrato nell’area

 

un veicolo in disuso trovato nell'area

un veicolo in disuso trovato nell’area

Veicoli destinati all’autodemolizione e rifiuti pericolosi rinvenuti in una discarica a cielo aperto a Piediripa dove era in corso una attività non regolare. Denunciate due persone e sequestrata un’area di 500 metri quadrati. A scoprirla è stata la squadra di polizia giudiziaria della stradale di Macerata nell’ambito di una operazione rivolta alla tutela ambientale in collaborazione con la polizia provinciale e mirata ai controlli delle attività di autodemolizione. Durante le ispezioni è stata trovata l’area, concessa dal proprietario in comodato d’uso gratuito ad altro soggetto di nazionalità nigeriana, sulla quale sono stati rinvenuti dal personale operante 20 autocarri, di cui uno pesante, 6 autovetture non più in grado di circolare e in stato di avanzato degrado, nei cui interni erano stati inoltre depositati rifiuti speciali pericolosi costituiti da accumulatori esausti. Sono stati inoltre rinvenuti motori derivati dall’attività di autodemolizione, frigoriferi e frigocongelatori, svariati televisori, computer, stampanti di pc, alcuni fax, condizionatori, oltre a ben 45 accumulatori al piombo esausti, suole di gomma per calzature, utensili da cucina usati, passeggini e letti per bambini, biciclette, ciclomotori, pneumatici, infissi da abitazione, cumuli di portiere di autocarri e altri pezzi di veicoli demoliti. Considerata la totale irregolarità di tale promiscuo e pericoloso deposito di rifiuti speciali, l’area è stata immediatamente posta sotto sequestro penale ed è partita la procedura mirata alla bonifica dell’intera zona nociva. Proseguiranno gli accertamenti per stabilire l’eventuale provenienza illecita dei veicoli rinvenuti. I legali rappresentanti della ditta oggetto del controllo ed il gestore dell’attività commerciale attestata sulla medesima area sono stati denunciati all’autorità giudiziaria: ora rischiano l’arresto da 6 mesi a 2 anni e una multa che va da 2.600 euro a 26mila euro.

Un vecchio frigorifero trovato nella discarica

Un vecchio frigorifero trovato nella discarica

Discarica Piediripa 1

discarica stradale 2



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X