Banca Marche, sindacati preoccupati:
“Noi commissariati, altre invece
sono state rilanciate”

I rappresentanti dei lavoratori critici con la governance locale e con la Banca d'Italia. "La ripresa economica della regione passa per un'uscita positiva dal commissariamento"
- caricamento letture
Il quartier generale di Banca Marche a Jesi

Il quartier generale di Banca Marche a Jesi

Tornano a farsi sentire i sindacati di Banca Marche, preoccupati di come, a tre mesi dal termine del secondo anno di commissariamento dell’istituto di credito, ancora non sembra prospettarsi una chiara soluzione della crisi. «Dopo tanto tempo passato a leggere di operazioni già decise – è scritto in un comunicato rilasciato oggi a firma Fisac, Fabi, Fiba, Dicredito e Uilca – operazioni certe oppure prossime, chiavi in mano con poco investimento di capitale fresco, senza una partnership industriale strategica, apprendiamo, da fonti di stampa, che sarebbe ancora tutto da fare». Oltre a domandare quali siano le strategie del Mef, della Banca d’Italia e del Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi, i sindacati si mostrano molto critici sia verso la governance locale sia nei confronti del Mef e di Bankitalia. Dopo aver ricordato i tempi in cui dal territorio si levavano le voci per difendere l’autonomia locale dell’istituto e l’assenza oggi della politica nel governo della crisi, i rappresentanti dei lavoratori denunciano a loro parere una differenza nel trattamento che è stato riservato all’istituto marchigiano rispetto ad altre banche in crisi di patrimonio. «Mentre noi siamo stati commissariati – si legge ancora nella nota – ad altre banche che hanno palesato criticità patrimoniali e di gestione simili alle nostre, è stato dato il tempo necessario e il modo di riprendere fiato, attraverso politiche di aggregazione e lanciando aumenti di capitale». Prima di rivolgere l’ennesimo appello ai commissari alla guida di Banca Marche per essere convocati e confrontarsi sugli scenari in atto, i sindacati ricordano come la ripresa economica della regione non potrà che passare per una “positiva fuoriuscita” dal commissariamento dell’istituto il cui rilancio, sempre secondo i rappresentanti dei lavoratori, non può prescindere dalla “gestione del credito.” Preoccupazione dunque per l’incertezza che ancora avvolge il futuro di Banca Marche, ma anche una bacchettata alla governance politco-economica della regione e alle scelte di Mef e Banca d’Italia.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X