Champions: Treia espugna Parigi

GRANDE VOLLEY - La Lube vince 3 a 1 in Francia (23 i tifosi arrivati dalle Marche). Sarà decisiva per il passaggio del turno la prima gara nel nuovo palas di Civitanova che si giocherà martedì prossimo contro i turchi del Fenerbache
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Parigi-Lube (1)Nella penultima giornata di gare del girone eliminatorio della 2015 CEV DenizBank Volleyball Champions League la Lube Treia espugna per 3-1 il piccolo Stade Charlety di Parigi (25-18, 25-21, 23-25, 25-20), dove si sono fatti sentire anche i 23 tifosi del club Lube nel Cuore arrivati dalle Marche, mantenendo ancora vive le proprie speranze di qualificazione ai Playoffs 12. I biancorossi vantano 7 punti in graduatoria, tanti quanti quanti il Fenerbahce Istanbul che oggi ha battuto 3-1 i russi del Belgorod (in campo senza i big) e risulta attualmente al secondo posto grazie al maggior numero di vittorie: tre, contro le due dei marchigiani. Decisiva sarà dunque la sfida di martedì prossimo (27 gennaio ore 20.30) proprio contro la squadra turca degli ex Miljkovic e Wijsmans, partita che sancirà ufficialmente l’esordio dei cucinieri nel nuovissimo palasport di Civitanova. I ragazzi di Alberto Giuliani dovranno vincerla col massimo scarto e poi guardare alle classifiche finali degli altri gironi, sperando di rientrare tra le sei migliori seconde dell’intera competizione. La vittoria, in caso di mancata qualificazione ai Playoffs di Champions League, garantirebbe comunque un pass utile per trasferirsi nei quarti di finale (Challenge Phase) della Coppa CEV.

Parigi-Lube (2)

La partitaVittoria d’autorità quella ottenuta contro il Paris Volley dalla Lube, arrivata in Francia senza l’infortunato Kovar (il giovane Bonacic nei dodici), e scesa in campo con la diagonale di schiacciatori formata da Parodi e Kurek. Nel primo set i cucinieri dominano grazie al buon rendimento del servizio (32% in ricezione per i transalpini) ed all’attacco che registra percentuali stellari: 80% di squadra, con Sabbi che firma 6 punti attaccando all’80%%, e Kurek al 75% (4 punti). E’ proprio una battuta vincente del polacco a regalare il break ai biancorossi sul 19-27, vantaggio che assumerà poi maggiore consistenza dopo l’errore di Bojic, che vale il +4 (21-17). Nel finale, il sigillo sulla vittoria del parziale (25-18) arrivano con il secondo ace personale di Sabbi ed un muro di Fei, entrato in campo al posto di Baranowicz per regalare centimetri alla prima linea. E la scelta tattica del doppio cambio della diagonale d’attacco si rivelerà una scelta vincente per Giuliani anche nel secondo set, in cui la Lube deve inizialmente ovviare anche ad un errore arbitrale che spedisce la squadra di casa sul 10-7. Parità a quota 11 con un altro ace di Sabbi, per l’occasione davvero a suo agio nel ruolo di trascinatore: suo il muro che scrive il 17-15 per i biancorossi, quindi l’allungo con Kurek (altri 6 punti, 83%) ed i centrali che capitalizzano al massimo le numerose rigiocate consentite dal buon lavoro in seconda linea da Parodi (chiuderò la gara con 11 punti e il 55% di positività in ricezione su 22 palloni) e Henno. Fei firma il contrattacco del 23-19, Kurek il 24-20 con una gran pipe, Stankovic chiude sul 25-21. Il terzo parziale è quello più equilibrato della sfida, con i marchigiani che sotto 15-17 pareggiano subito grazie ad un errore di Bojic (17-17), ma poi subiscono un altro break per il 19-21. E dopo aver annullato ai francesi il primo set point (23-24), sono purtroppo inutili le proteste di capitan Podrascanin e compagni per un attacco di Baranowicz con molta probabilità finito sulla riga, e invece giudicato out dall’arbitro, consegnando così il 25-23 al Paris Volley. Il quarto parziale è una sorta di monologo degli uomini di Giuliani, che prendono subito il largo (5-1) lanciati da un gran muro ed un super turno al servizio del solito Sabbi. Finisce 25-20 e 3-1, con l’opposto laziale top scorer del match: per lui 23 punti con 6 ace e il 55% sulle schiacciate, 19 i punti invece di Kurek che ha attaccato con l’80% e realizzato anche 2 muri e 1 ace.

Parigi-Lube (3)

Il tabellino
PARIS VOLLEY: Hernan Ruperez, Lechalier n.e., Bojic 12, Frangolacci, Brizard, Gjorgiev 17, Fernandez Valcarcel 9, Chaudet n.e., Steuerwald (L), Kaba n.e., Bahov 16, Kreek 9. All. Rougeyron.
CUCINE LUBE TREIA: Fei 3, Henno (L), Parodi 11, Paparoni, Stankovic 5, Sabbi 23, Monopoli, Bonacic n.e., Shumov n.e., Kurek 19, Baranowicz 1, Podrascanin 7. All. Giuliani.
ARBITRI: Nederhoed (NED) – Cambre (BEL).
PARZIALI: 18-25 (23’), 21-25 (26’), 25-23 (25’), 20-25 (25’).
NOTE: Paris Volley bs 20, ace 7, muri 4, errori 9, ricezione 40% (26% prf), attacco 54%. Lube bs 16, ace 9, muri 6, errori 4, ricezione 48% (35% prf), attacco 67%.

I tifosi della Lube che hanno seguito la squadra a Parigi

I tifosi della Lube che hanno seguito la squadra a Parigi

PARIGI-LUBE, LE VOCI DEL POST GARA

ALBERTO GIULIANI: “E’ arrivato questo importante successo, nonostante l’errore arbitrale sull’ultimo punto del terzo che ci è costato il parziale. Siamo riusciti a fare conquistare tre punti e a tornare al successo in Europa su un campo tutt’altro che facile: dunque una vittoria non scontata come qualcuno potrebbe pensare. Abbiamo giocato un’ottima pallavolo, contro un Paris Volley che non ha mai mollato, e la mia squadra stasera ha fatto vedere un gran carattere dimostrando la propria forza. I nostri avversari francesi, come ci attendevamo, hanno dato il massimo tirando a tutta forza, specialmente al servizio, e ci hanno creato qualche problema. Nonostante questo, la linea di ricezione di Henno, Parodi e anche Kurek ha tenuto bene, con un’ottima prestazione. Ripeto, sono molto soddisfatto per questa vittoria. E ora andremo a giocarci le chance di qualificazione nell’ultima gara del girone martedì prossimo al PalaCivitanova contro il Fenerbahce, di fronte al nostro pubblico”.

MARKO PODRASCANIN: “E’ arrivata una vittoria fondamentale perché ottenuta con grinta e carattere, tre punti che ci tengono ancora in ballo per la qualificazione al turno successivo. Sapevamo che in questa sfida parigina potevamo soltanto vincere e la nostra determinazione ci ha permesso di arrivare al successo finale nonostante quel terzo set. Tra una settimana torneremo già a giocare in Europa, e avremo il nostro magnifico pubblico dalla nostra parte nella gara decisiva con il Fenerbahce. Complimenti ai tifosi arrivati fino a Parigi per sostenerci: anche grazie al vostro supporto è arrivata questa vittoria”.

DRAGAN STANKOVIC: “E’ stata una partita tosta, il Paris ha giocato bene e ha cercato di metterci in difficoltà tirando molto il servizio. Abbiamo però tenuto molto bene il campo, senza lasciare quasi mai spazio ai nostri avversari, eccetto che nel finale di terzo set, quando non siamo riusciti a recuperare il break di svantaggio accusato in extremis. Ora obiettivo europeo puntato alla sfida di martedì prossimo a Civitanova: servirà un’altra grande prestazione per provare a centrare la qualificazione ai Playoffs”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X