Matelica, 3 schiaffi alla Maceratese
per restare nella scia dell’Ancona

SERIE D - La squadra di Favo crolla nella ripresa, dopo un buon primo tempo. Sblocca l'ex Cacciatore, a segno anche Cognigni e Jachetta. Fischia il pubblico di casa, che ha ricordato con cori e striscioni Marco Principi, il tifoso recentemente scomparso
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

(In alto la galleria, foto-servizio di Lucrezia Benfatto)

 

Gol_Matelicadi Filippo Ciccarelli

Dura un tempo la Maceratese, fermata all’Helvia Recina dal Matelica di mister Carucci. Gli ospiti, rispetto ai biancorossi di casa, hanno l’arma del cinismo che consente loro di capitalizzare al massimo le occasioni create. Occasioni che però vedono complici le numerose disattenzioni della Maceratese. Il primo gol lo segna l’ex di turno, Cacciatore, sempre più capocannoniere del girone F del campionato di serie D: traversone basso dalla sinistra, Rocchi respinge centralmente ma nessuno dei suoi colleghi difensori riesce a spazzare l’area di rigore e così Cacciatore insacca. Ed è ancora Cacciatore, dopo una palla persa da Perfetti a centrocampo, ad innescare il micidiale contropiede del Matelica. Sgroppata fino in area di rigore, assist che taglia fuori Rocchi in uscita, rete comoda di Cognigni che insacca a porta vuota. La Maceratese, già colpita dopo il primo gol, non riesce a reagire. E dire che un paio di occasioni i padroni di casa erano riusciti a crearle: nel primo tempo con Perfetti, autore di un tiro-cross provvidenzialmente messo in angolo da Spitoni. E nella ripresa con un colpo di testa di Aquino che ha trovato un nuovo miracolo di Spitoni sulla sua strada. Alla distanza, il Matelica è venuto fuori, mostrando tutti i suoi pregi: un attacco micidiale, ma anche una difesa ordinata e ben guidata da D’Addazio ed Ercoli, quest’ultimo autore di una serie di recuperi prodigiosi su Sparacello (buon esordio per il baby classe ’95 di scuola Toro), Santoni e Romano. La terza rete la firma Jachetta, che intercetta un passato sbagliato di Donzelli ed approfitta della mancata copertura di Di Berardino. E’ la débacle per la Maceratese, punita con una sonora sconfitta. Un parziale troppo pesante, ma il risultato è giusto: evanescente la squadra di casa sotto porta e distratta nella fase difensiva. Anche il centrocampo, dopo l’uscita di Ruffini, è apparso indebolito. E non ha giovato  l’innesto di Borrelli, ancora in cerca della migliore condizione fisica e al rientro dopo un mese di stop dovuto ad un infortunio.
Esultanza_MatelicaIl risultato del campo certifica, ancora una volta, che il Matelica è l’unico inciampo serio per un’Ancona ancora vittoriosa e proiettata al salto di categoria. Ma il cinismo e la concretezza mostrata oggi a Macerata dalla formazione di mister Carucci sono un ottimo viatico per continuare il sogno di sbarcare tra i professionisti. Festeggiano i 250 tifosi che hanno raggiunto l’Helvia Recina e sono stati ripagati con una vittoria storica a Macerata dai propri beniamini. Il Matelica sale a 46 punti, mantenendo 4 lunghezze dall’Ancona che guida la classifica.

 

Striscione_per_Marco_Principi_Maceratese

Uno degli strscioni dedicati a Marco Principi

 Il pubblico di casa, che aveva onorato la memoria di Marco Principi, tifoso scomparso dopo il derby con la Civitanovese, con striscioni e cori, non può invece essere soddisfatto. La Maceratese conferma così la tradizione negativa nei derby con le squadre della provincia, con cui quest’anno non è mai riuscita a vincere. I biancorossi escono tra i fischi e rimangono a quota 38 punti, agganciati da Termoli e Vis Pesaro, che oggi hanno approfittato solo in parte (pareggiando) del passo falso dei ragazzi di Favo.

Maceratese_Matelica (6)

***

Maceratese_Matelica (4)Il tabellino:

Maceratese 0
Matelica 3

MACERATESE: Rocchi 5.5, Donzelli 5.5, F.Russo 6 (39’st Gabrielloni sv), Ruffini 6 (16’st Borrelli 5), Aquino 6, Di Berardino 5, Romano 6 (41’st Conti sv), Perfetti 5, Sparacello 6, Cavaliere 5, Santoni 5.5. A disposizione: Ferrara, G.Russo, Arcolai, Benfatto, Pietropaolo, Belkaid. All.Favo

MATELICA: Spitoni 6.5, Colantoni 6, D’Alessio 6 (34’st Tonelli sv), Gadda 6.5, D’Addazio 7, Ercoli 7.5, Mangiola 6.5, Moretti 6.5 (41’st Silvestrini sv) Cognigni 7, Cacciatore 7.5 (43’st Api sv), Jachetta 7. A disposizione: Passeri, Girardi, Tonelli, Lazzoni,  Scotini, Martini, Staffolani. All. Carucci

Arbitro: Provesi di Treviglio

Marcatore: Cacciatore al 7’st, Cognigni al 30’st, Jachetta al 47’st

Note: Spettatori 800 circa (250 ospiti). Calci d’angolo 8-3. Ammoniti Aquino, Moretti, Romano, Jachetta, Di Berardino. Recupero 1’+4′.

Leggi le interviste post partita

Tifosi_Maceratese (6)

Tifosi_Maceratese (10)

Tifosi_Maceratese (11)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X