Urbino si candida Capitale della Cultura
e Macerata sta a guardare

Presiederà il Comitato promotore Jack Lang, già Ministro della cultura francese
- caricamento letture
jack_lang

Jack Lang

 

di Alessandra Pierini

Jack Lang, già ministro della Cultura francese e ideatore, insieme al ministro greco Melina Mercouri, nel 1985, del programma “Capitale Europea della Cultura”, ha accettato questa mattina di presiedere il Comitato Promotore del progetto di candidatura di Urbino a  Capitale Europea della Cultura 2019. L’annuncio questa mattina durante l’incontro della Giunta regionale delle Marche  con la Giunta comunale di Urbino, nella sede del Municipio.

Esplicita la richiesta del governatore Gian Mario Spacca di un coinvolgimento dell’intera Regione per una valorizzazione che coinvolga tutte le eccellenze a disposizione.
In qualche modo, si pera quindi che anche il territorio maceratese sappia approfittare dell’occasione assicurando alla capofila Urbino sostegno e vicinanza nel lungo cammino da affrontare. In effetti la proposta di candidare anche a Macerata a capitale europea della cultura  era stata avanzata da Francesco Adornato, direttore del dipartimento di Scienze Politiche, della Comunicazione e delle Relazioni Internazionali del locale Ateneo e il sindaco Romano Carancini l’aveva  accolta con entusiasmo (leggi l’articolo). Da allora sono passati due mesi ma non è stato dato alcun seguito a quella che poteva essere un’ottima opportunità.
Ai maceratesi non resta che fare il tifo per Urbino che dovrà presentare la sua candidatura entro ottobre 2013, nel 2014 poi verranno espletate le fasi di selezione e nel 2015 ci sarà la designazione della città vincitrice.

260px-PanoramaUrbino«Per me Urbino è una passione antica – ha detto Jack Lang questa mattina- il Rinascimento italiano è l’inizio del nostro mondo contemporaneo. Proprio qua un principe ha concepito l’impossibile, ha immaginato questo Palazzo, ma soprattutto ha concepito una civiltà, una certa idea dell’uomo. Oggi, alle soglie di una terza mondializzazione, vorrei immaginare un nuovo Rinascimento, in confronto con l’ideologia della brutalità che mette la sua impronta nella vita economica e sociale e che distrugge la giovinezza. Con il Progetto “Urbino Capitale della Cultura Europea 2019” dobbiamo riscoprire lo spirito che ci porti verso un nuovo Rinascimento. Proporrò che il Progetto di candidatura che coinvolgerà Urbino e le Marche sia il progetto delle “Utopie concrete”».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X