Pettinari e i progetti per Macerata:
“La prima emergenza è la viabilità”

Il candidato del centrosinistra interviene sulla centralità del capoluogo. Prosegue il botta e risposta tra i candidati di Marangoni e la Lega Nord
- caricamento letture
pettinari-nuova

Antonio Pettinari

Antonio Pettinari è intervenuto oggi a Macerata per presentare i candidati del capoluogo e parlare delle priorità della città. “Macerata dovrà assumere a pieno regime il ruolo di capoluogo – ha detto Pettinari – perchè rappresenta un’opportunità per tutto il territorio. La prima emergenza da affrontare è la viabilità: dobbiamo liberare Macerata dal traffico di attraversamento che la sta  massacrando. Questo è l’unico capoluogo di provincia a non essere collegato con la grande viabilità, va realizzato il collegamento con la vallata del Potenza che non può terminare su un murettto a Montanello, è poi fondamentale il prolungamento via Mattei-La Pieve per rafforzare la viabilità a Sforzacosta. Va liberata dal traffico anche Piediripa, non basta il potenziamento dello svincolo nella zona industriale di Corridonia dove sono già iniziati i lavori,  ma serve anche lo svincolo di San Claudio dove pensiamo a un progetto di valorizzazione di tutta la zona”.
Pettinari ha poi parlato della valorizzazione del centro agroalimentare di Piediripa, del Centro Fiere di Villa Potenza (“serve un progetto condiviso Provincia-Comune per valorizzare i prodotti dell’artigianato e del settore manifatturiero”), di strutture sportive di qualità (“Non solo il palazzetto ma anche lo stadio e le piscine sono una priorità”), dell’Università (“una grande opportunità per tutto il territorio”).
“L’ Amministrazione provinciale – ha aggiunto Antonio Pettinari – si deve occupare di strade, trasporti, scuole, ambiente, formazione professionale ma dovrà essere sempre attenta e presente in tanti altri aspetti perchè il ruolo più importante di una Provincia è quello di coordinamento mettendo i rete titte le forze del territorio: Comuni, Università, Accademia, Fondazioni, imprese, Camera di commercio. Insieme possima pensare a un grande piano di sviluppo e la sintonia che avremo con l’Amministrazione regionale ci porta ad essere ottimisti”.
Presenti all’incontro di oggi anche i candidati dell’Udc Massimo Pizzichini, Paolo Cotognini e Fabrizio Giustozzi, l’ex consigiere comunale Giovanni Picchio e il capogruppo dell’Udc al Comune di Macerata, Ivano Tacconi.

***

marangoni-enzo-nuova

Enzo Marangoni

– I 28 candidati delle liste Lega per le Marche e Famiglia identità e territorio che sostengono la candidatura di Enzo Marangoni replicano all’onorevole Luca Rodolfo Paolini (Lega Nord):

“Fino a poche settinane fa il Paolini da Fano era alla disperata ricerca di notorietà, sentiva che stava diventando un vecchio politico sul viale del tramonto senza essere mai maturato. Da qualche giorno è invece assurto agli onori della cronaca quale roboante moltiplicatore di pani e di pesci, ispirandosi, è chiaro, a ben altra figura. I 100 iscritti al suo partito nel maceratese li trasforma in 1000, e cita a casaccio molte città e paesi del maceratese dove, a suo dire, sarebbero presenti sezioni di iscritti alla Lega Nord dimenticandosi di precisare che sono 1 o 2 persone per città. Poi però  sbaglia ad usare la sua calcolatrice fatata e coloro i quali hanno seguito Marangoni diventano 15 nel maceratese anzichè 1500 persone in tutta la regione. Tanti sono stati infatti i firmatari di una petizione a sostegno dell’operato di Enzo Marangoni e contro la ridicola gestione paoliana del partito del quale chiedevano il commissariamento della segreteria regionale. Che la Lega Nord nel Maceratese sia allo sbaraglio più totale è cosa nota anche a chi di politica non si interessa. Basti dire che il Paolini, a capo della segreteria regionale di un partito che da anni è  al governo della nazione, non è riuscito nemmeno a presentare una lista completa di candidati per le elezioni provinciali in corso e per tappare i buchi si è trovato costretto ad inserire due “straniere” sconosciute della provincia di Ancona e un onorevole di Macerata il quale darà la svolta decisiva all’esito elettorale della lista se bisserà il risultato delle comunali di un anno fa: 26 preferenze personali nel capoluogo di provincia.”



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X