A 16 anni esordisce in serie A
Severini: “E’ stato magnifico”

Basket, il ragazzo di Montecassiano ha giocato la sua prima gara con la maglia di Siena
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Giovanni-Severini

di Andrea Busiello

Esordire in serie A non capita tutti i giorni. Poi, se lo si fa a sedici anni allora significa proprio che si ha del talento. Questa, per sommi capi, è la storia di Giovanni Severini (nella foto), cestista classe 1993 che domenica a Napoli ha esordito nella massima serie con la maglia della Monte Paschi Siena realizzando addirittura 19 punti, risultando il top scorer del match vinto nettamente dai senesi 143-49: niente male. Il ragazzo, nato e cresciuto a Macerata, precisamente a Montecassiano, lo abbiamo voluto ascoltare per tastare il polso della situazione e parlare di questo esordio oltre ai suoi progetti futuri.

Severini, a sedici anni ha esordito in serie A. Che emozione ha provato?

“E’ stato magnifico esordire in serie A anche se c’è da dire che la partita contro Napoli non si può catalogare in questa categoria date le note vicende che vedono protagonisti i partenopei che schierano in campo solo giovani. Però, dal canto mio, sono felicissimo di aver esordito nella massima serie”.

Come inizio di carriera niente male, no?

“Si, meglio di così non poteva andare. Top scorer dell’incontro con una serata fortunata al tiro, quindi sono davvero felice di quello che è successo domenica”.

Quando è arrivato a Siena ed in che modo?

“Sono arrivato a Siena all’età di 14 anni grazie ad un day camp ad Arezzo dove sono stato protagonista. Sono da 3 anni a Siena e l’ambiente è davvero eccezionale, la società non ci fa mancare nulla ed è veramente un piacere lavorare in queste condizioni”.

I suoi progetti futuri?

“So che devo continuare in questo modo e lavorare sodo affinchè possa crescere sempre di più sotto il profilo tecnico. Per ora l’obiettivo personale rimane quello di far bene con l’under 17 e l’under 19 dove gioco con continuità poi per il resto è difficile fare progetti. E’ ovvio che il sogno è quello di indossare la maglia della prima squadra con costanza ma ripeto, ora devo pensare a fare bene giorno dopo giorno con l’under 17 e l’under 19”.

Il suo allenatore è anche il tecnico della nazionale (Simone Pianigiani). Che consigli le ha dato prima del match?

“Mi ha detto di giocare forte e che se non avessi giocato bene mi avrebbe rimproverato come fa con tutti i big. Devo dire che la giornata è stata felice perchè l’avversario non era di difficoltà assoluta però il coach ci aveva avvertito che per noi questa era una grande occasione da non sciupare e sono felice di aver fatto bene”.

Foto tratta dal sito www.menssanabasket.it



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X