Lube, Smerilli in mostra:
“Corsano è un maestro”

- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Smerilli-+-Cisolla

di Andrea Busiello

E’ una Lube serena e rinfrancata quella che torna al lavoro in palestra in vista della prossima sfida di mercoledì alle ore 20.30 in quel di Perugia per la terza giornata di campionato. Buono il successo netto sull’Aran Pineto che ha portato i biancorossi a quota 5 in classifica, ad una sola lunghezza dalla capolista Copra Piacenza. Dopo il match vinto agevolmente contro Pineto abbiamo sentito il parere di Lorenzo Smerilli (nella foto insieme al compagno di squadra Alberto Cisolla) che, come noto, aveva preso il posto di Corsano a metà del primo parziale. Il ventiduenne di San Severino Marche, ex Catania, si esprime positivamente su questa Lube.

Smerilli, prendere il posto di Corsano non è facile ma lei contro Pineto è stato molto positivo…

“Sono felice che il mio apporto sia stato positivo. Sai, entrare al posto di Mirko non è mai facile perchè lui è un grande campione ma io cerco sempre di farmi trovare pronto e sono davvero molto soddisfatto che oggi ho potuto dare il mio contributo alla squadra per vincere la gara”.

Adesso non c’è un secondo per rifiatare: arriva subito l’insidiosa trasferta di Perugia…

“Loro vorranno rifarsi dopo la brutta sconfitta di Treviso ma noi, dal canto nostro, saremo carichi per conquistare il terzo successo consecutivo per avvicinarci alla vetta sin da subito. E’ importante partire con il piede giusto in campionato e vincere in terra umbra sarebbe molto importante per la classifica”.

Ci sono quattro gare ora difficilissime. In ordine Perugia, Treviso, Trento e Piacenza. Quanti punti deve fare la Lube in queste sfide?

“Non siamo soliti fare calcoli e dunque guardiamo partita per partita. Certo, il sogno sarebbe quello di vincerle tutte e quattro ma sappiamo che sarà durissima. Noi ci proveremo, poi vedremo il campo che verdetto emetterà”.

Abbiamo notato che è entrato in campo molto tranquillo al posto di Corsano. Cosa rappresenta Mirko per lei?

“Si, è vero. L’esperienza che ho fatto a Catania lo scorso anno mi è stata di aiuto in tal senso perchè mi ha fatto fare un buon salto di qualità. Giocare dietro a Mirko è fantastico perchè è sempre pronto a dispensare consigli utili per crescere e per me lui rappresenta un punto di riferimento. E’ il mio maestro e per me è un modello da seguire per i giovani come me”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X