Nuova linea idrica
per portare acqua potabile
ai rifugi Cristo delle Nevi e Cornaccione

USSITA - Sarà lunga 2,3 chilometri e collegata al serbatoio Pippetto. Il commissario Castelli: «Cruciale recuperare questi punti di approdo per visitatori e appassionati»

- caricamento letture

linea-idrica

La linea idrica che verrà realizzata

Una nuova linea idrica che garantisca acqua potabile tutto l’anno ai rifugi Cristo delle Nevi e Cornaccione, a Ussita. L’intervento, del valore di 480mila euro, ha ottenuto il via libera dalla Cabina sisma presieduta dal commissario alla ricostruzione Guido Castelli.

I lavori, che vengono inseriti nel più ampio programma dell’ordinanza speciale dedicata alla ricostruzione pubblica di Ussita, serviranno per collegare con una linea di adduzione di circa 2.300 metri i due rifugi danneggiati dal sisma al serbatoio Pippetto. In questo modo sarà garantito il rispetto delle norme igienico-sanitarie dei rifugi e sarà anche più semplice utilizzare l’acqua per i cantieri della ricostruzione, consentendo una disponibilità costante di acqua sanitaria. La ricostruzione dei due rifugi è già programmata con un importo di 1,2 milioni di euro (454mila euro per il Cristo delle Nevi e 800mila euro il Cornaccione).

«Nella nostra strategia di rilancio e valorizzazione dell’Appennino centrale, non dobbiamo dimenticare l’importanza dei servizi e delle infrastrutture che consentono di fruire della montagna tutto l’anno – dichiara Castelli – per questo abbiamo posto particolare attenzione non solo alla rifunzionalizzazione degli impianti di risalita, grazie al programma NextAppennino, ma anche alla ricostruzione e all’ammodernamento dei rifugi che costituiscono il punto di approdo ideale per i tanti visitatori e appassionati che alimentano l’economia locale. Ringrazio il presidente della Regione Francesco Acquaroli e l’Ufficio speciale ricostruzione Marche, per una collaborazione fattiva che ci sta consentendo di procedere con fiducia in un anno che sarà cruciale per la ricostruzione».

«Con questo finanziamento si chiude il cerchio per quanto riguarda la ricostruzione degli impianti del nostro bacino sciistico – dice il sindaco di Ussita Silvia Bernardini – siamo ancora una volta a ringraziare il commissario per la sensibilità dimostrata nei confronti della nostra comunità. Ricostruire il tessuto economico rappresentato dagli impianti del bacino di Frontignano, è per noi di fondamentale importanza per la ripresa economica e sociale del nostro territorio. Questo il commissario l’ha compreso a pieno e per questo lo ringraziamo. Investire, perché di questo si tratta, sulle zone montane, sulle piccole comunità che ancora si ostinano a vivere la montagna, credo fortemente sia la strada giusta per impedire lo spopolamento di queste terre e permetterne la tutela e conservazione. Mi unisco ai ringraziamenti al presidente Acquaroli ed all’Ufficio ricostruzione che ci sono sempre vicini, come il commissario Castelli, in quest’opera titanica di ricostruire i nostri paesi e le nostre comunità».

Le altre opere che erano state finanziate dall’ordinanza speciale sono: il recupero e restauro del cimitero monumentale di Castelmurato (8,55 milioni); la ricostruzione del centro funzionale Saliere (650mila euro); indagini, prove e studi per il ripristino delle condutture di adduzione dell’acqua e della rete elettrica comunale (200mila euro); lo spostamento delle cabine di distribuzione elettrica a Cuore di Sorbo e a Frontignano Pian dell’Arco (595mila euro); la ricostruzione dell’ex caserma dei carabinieri e sua la sua rifunzionalizzazione in sede comunale (2,44 milioni); la realizzazione di una piastra tecnologica per insediamento campo base nell’area del complesso Ex Eca (1,2 milioni) e infine la realizzazione delle opere di urbanizzazione (sottoservizi e muri di sostegno) dei nuclei storici (5,12 milioni).



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
Podcast
Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X