Piste ciclabili, nuovo progetto
Accolte alcune osservazioni
Tagliati i tratti lungo i fossi

MACERATA - Ridotto di diversi chilometri il percorso previsto. Ora riparte l'iter amministrativo, la realizzazione delle opere dovrebbe slittare di un anno, forse due

- caricamento letture
Rendering-ciclovia

Uno dei rendering della ciclovia

di Luca Patrassi 

Quaranta chilometri di piste ciclabili, un finanziamento regionale di tre milioni di euro: il progetto era stato ideato e presentato dall’assessore comunale Paolo Renna lo scorso anno in biblioteca. Il 2024 doveva essere l’anno del completamento dell’opera, ma così non sarà.

Renna_Polizia-locale_Vigili_FF-7-325x217

L’assessore Paolo Renna

Il tutto slitta di un anno, forse due. Intanto questa mattina la giunta comunale, sempre su proposta dell’assessore Paolo Renna ha approvato una delibera di indirizzo che va a modificare quanto già indicato. In sostanza sono state recepite diverse delle osservazioni che erano state presentate dai proprietari delle aree da espropriare e dalle associazioni: ad essere stati contestati in particolare i tratti di ciclovie ipotizzati in prossimità dei fossi a rischio di esondazione e di cancellazione delle opere eventualmente realizzate.

Dunque oggi l’esecutivo guidato da Sandro Parcaroli ha preso atto della fondatezza di alcune delle osservazioni espresse e ha ridimensionato il progetto iniziale tagliandolo di alcuni chilometri. Quindi un nuovo progetto esecutivo e il  riavvio della procedura amministrativa con pubblicazione degli atti, altri mesi che passeranno tra la pubblicazione all’albo pretorio, la presentazione eventuale di osservazioni esclusivamente per la parte di tracciato modificata e il passaggio alle procedure di esproprio e agli asservimenti coattivi.

Rendering-ciclovia-1-325x244I tre milioni di euro destinati al progetto di Macerata sono stati finanziati dal Contratto Istituzionale di Sviluppo (Cis). Il percorso si sviluppa come prosecuzione e ricucitura di alcuni percorsi presenti nel territorio e collega le aste fluviali del Potenza e del Chienti con percorsi ortogonali “di crinale” e “vallivi” seguendo i torrenti e i fossi; in totale si possono distinguere cinque percorsi funzionali, con una lunghezza totale di oltre 30 chilometri km. Il tracciato di progetto, intende riprendere e valorizzare le specificità locali, per un turismo di vicinanza, oltre che internazionale, adatto ad appassionato della bici e ai turisti. I percorsi, che avranno una segnaletica condivisa e i cui lavori saranno conclusi si sviluppano su quattro lotti principali e un percorso secondario di collegamento con la ciclabile esistente di Fontescodella; nella loro totalità ricreano un anello complessivo in tutto il territorio del comune di Macerata.

Piste ciclabili lungo i fossi e i fiumi La protesta dei proprietari delle aree: «Renna dice cose lontane dalla realtà»

Ciclovie, piovono osservazioni contro il progetto del Comune

«Piste ciclabili? Altro che green, è un’autostrada pedonale. Danni all’ambiente irreversibili»

La pista ciclabile “distrutta” prima di essere realizzata Ecco com’è uno dei tracciati (Foto)

Quasi 300 espropri per le ciclovie: ci sono parroci, marchesi e imprenditori

Ciclabile, decine di richieste di chiarimenti. Mario Iesari: «Una serie di errori»

Milioni ed espropri per le ciclabili, Cicarè: «Tracciati inutili. Non servono neanche ai ciclisti»

Ciclovia del Chienti e del Potenza, il progetto diventa realtà: «Due vallate unite da cinque percorsi»

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
Podcast
Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X