Trento è troppo forte,
Civitanova si arrende (0-3)

SUPERLEGA - I campioni d’Italia, ancora imbattuti, passano con autorità all'Eurosuole Forum contro una Lube molto fallosa e incapace di opporsi allo strapotere degli avversari. Michieletto super, mvp della serata e top scorer con 16 punti

- caricamento letture

lube-trento-17-650x433

di Mauro Giustozzi (foto di Maurizio Spalvieri)

La legge del più forte, la legge dei campioni d’Italia che passano con autorità sul campo di una Lube che non ha mai trovato le contromisure per ribaltare l’inerzia di una sfida che è sempre stata saldamente nelle mani della squadra di Soli. Che ha mostrato una prestazione di squadra eccellente, in particolare a servizio e muro, con le perle di un Michieletto super, mvp della serata e top scorer con 16 punti (57% in attacco) ma pure di un Podrascanin (8 e 88%) puntuale ed un Rychlicki punto di riferimento costante (58% con 13 punti) non ha lasciato scampo ad una Lube molto fallosa (25 errori) ed incapace di opporsi allo strapotere degli avversari in ogni momento della sfida.

lube-trento-9-325x217Una Civitanova che è stata insufficiente in battuta ed anche in ricezione ha subito le bordate dai nove metri degli avversari. Difficile in una serata negativa di tutti i biancorossi salvare qualcuno dal naufragio: forse Yant e Chinenyeze che sono stati gli ultimi ad arrendersi in una sfida segnata dalla enorme differenza mostrata dal campo.

lube-trenot-2-6-325x217All’Eurosuole Forum arriva l’imbattuta vicecapolista della SuperLega Trento, per un remake dell’ultima finale scudetto, con una Lube che va a caccia del terzo successo consecutivo in campionato per cercare di accorciare la sua classifica verso le prime posizioni che peseranno poi molto anche in chiave griglia di Coppa Italia. Entrambe le squadre sono reduci dal turno di Champions League che le ha viste vittoriose ed al comando dei rispettivi gironi. Per l’occasione Itas che si presenta al gran completo nelle Marche mentre Blengini torna all’assetto ‘nazionale’ della sua Civitanova dopo aver schierato in Europa una formazione senza limiti di stranieri in campo.

lube-trenot-2-9-325x217

Il premio a Balaso

Quindi torna la coppia di schiacciatori Zaytsev-Nikolov risparmiati a Praga poi Chinenyeze-Anzani centrali, la diagonale De Cecco-Lagumdzija e Balaso libero. Prima del via il delegato provinciale del Coni Fabio Romagnoli ha premiato l’atleta biancorosso Fabio Balaso con la Stella d’argento al merito per il successo colto con la maglia della Nazionale azzurra al campionato europeo. Trento subito aggressiva al servizio con Civitanova che risponde non disunendosi al primo break messo a terra dall’ex Podrascanin. Il muro di Michieletto e la palla tirata sull’asta da Lagumdzija lanciano l’Itas sull’8-11 costringendo Blengini ad usare il primo tot. Entra anche Yant per Nikolov ma non basta ad invertire il trend con Trento che vola sul turno di servizio di Rychlicki allungando a +6 il suo vantaggio nel set. Troppo forti i campioni d’Italia al servizio che mette in costante difficoltà la ricezione avversaria e Lube che fatica ad innestare contrattacchi vincenti. Fluido il gioco trentino che con Lavia affonda il 12-20 di un set dominato e chiuso senza alcun affanno dai dolomitici.

lube-trenot-2-2-325x217Nel secondo resta in campo Yant come martello in coppia con Zaytsev. Due errori marchigiani danno il là al break favorevole all’Itas (6-8): un’invasione aerea a rete di De Cecco allunga il vantaggio di una Trento che mantiene il controllo di un set nel quale la Lube fatica a rientrare per discontinuità nella sua azione. L’attacco di Michieletto porta l’Itas sul 13-17 con Blengini che ferma ancora il gioco per ragionare coi suoi. Torna in campo una Lube più combattiva che con Lagumdzija e Yant dimezza lo svantaggio per un finale di set di rincorsa dei marchigiani: l’ingresso di Motzo al servizio dà spinta agli adriatici che però vedono sfumare l’aggancio su un attacco out di Yant. Ancora un’invasione aerea di De Cecco e la battuta sbagliata del cubano concedono tre palle set all’Itas che chiude alla seconda con Michieletto. Chicco Blengini tenta la carta Bottolo per Zaytsev nel terzo e decisivo set per Civitanova. Ma Trentino ancora dal servizio di Michieletto trova le risorse per dare lo strappo d’inizio parziale (3-6). Si segnala un Lavia straripante in questa fase che segna l’accelerata di un’Itas che prende il largo mentre dalla curva dei Predators si alza il coro “noi vogliamo gente che lotta”. Un ace potente di Lavia firma il 7-12 che apre un’autostrada ai tricolori verso un successo mai stato in discussione al termine di una partita che ha messo spalle al muro una Civitanova incapace di opporsi allo strapotere dei dolomitici.

lube-trenot-2-1-325x217

Coach Blengini

CIVITANOVA – TRENTO 0-3 (17-25, 22-25, 16-25)

CUCINE LUBE CIVITANOVA: De Cecco 1, Zaytsev 5, Chinenyeze 6, Lagumdzija 7, Nikolov, Anzani 2; Balaso (L), Motzo 2, Yant 8, Bottolo 2, Diamantini, Thelle. NE.: Bisotto (L), Larizza. All. Blengini.
ITAS TRENTINO: Lavia 8, Kozamernik 3, Rychlicki 13, Michieletto 16, Podrascanin 9, Sbertoli 1; Laurenzano (L). NE.: Nelli, D’Heer, Cavuto, Pace (L), Berger, Magalini, Acquarone. All. Soli.
ARBITRI: Goitre e Simbari.
NOTE: spettatori 2787, incasso di 48091 euro. Durata set: 27’, 32’, 24’, totale 83’. Civitanova: battute sbagliate 12, vincenti 3, muri 2, errori 25. Trento: bs. 17, v. 6, m. 6, e. 20.

lube-trento-10-650x433

lube-trenot-2-7-650x433

lube-trenot-2-8-650x433

lube-trento-1-650x433

lube-trento-19-650x433

lube-trenot-2-6-650x433

lube-trenot-2-5-650x433



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
Podcast
Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X