“Vie del Pellegrino”,
una giornata dedicata
ai cammini lauretani

RECANATI - Il 26 giugno tanti appuntamenti, da suggestivi percorsi tra le campagne e il borgo, alle opere dei maestri madonnari, al concerto in cattedrale (in programma lo Stabat Mater)
- caricamento letture
Rita-Soccio1-650x538

Rita Soccio, assessore alla cultura

 

Vie del Pellegrino, l’esperienza dei cammini lauretani a Recanati. Appuntamento il 26 giugno, alle 16, con l’evento nato dalla prima collaborazione tra l’associazione Whats Art e l’associazione Villa in Canto. Si tratta di una giornata con tante iniziative dedicate proprio all’importante via di pellegrinaggio che per secoli ha collegato Siena a Cortona in direzione della Santa casa di Loreto e che poneva Recanati come primo nucleo di collegamento con la zona costiera e nel cui territorio si trovava in origine la Santa Casa. Proprio dalla sinergia tra Regione, comune di Loreto e assessorato alle Culture del comune di Recanati, con il coinvolgimento delle parrocchie e delle associazioni recanatesi, nasce l’idea di una giornata in cui valorizzare il patrimonio culturale, artistico e paesaggistico che ancora contraddistingue il percorso. «Lo sviluppo della Via Lauretana rappresenta un’occasione importante di crescita spirituale e turistica per tutto il nostro territorio – dice l’assessore alla Cultura del comune di Recanati, Rita Soccio -. Grazie allo stanziamento dei fondi Regionali per la comunicazione, abbiamo l’occasione di presentare una giornata dedicata al suo racconto in musica, arte e percorsi grazie alla curia e alla rete sempre pronta a raccogliere nuovi stimoli delle nostre associazioni culturali. La bellezza del paesaggio uniti alla storia e al patrimonio artistico culturale delle nostre comunità rende unico e fonte di benessere tutto il cammino». Un programma ricco di appuntamenti (tutti gratuiti), alla riscoperta di luoghi e tradizioni che ancora oggi emozionano ed appassionano (per prenotare: 3336330897 oppure www.recanatiartfestival.com).

Gli appuntamenti. Dalle 16 alle 20 in piazza Leopardi i “Maestri Madonnari”, vincitori del concorso internazionale di Curtatone, allieteranno i visitatori con la rappresentazione in dimensione 3 metri per 4 della Madonna di Loreto di Annibale Carracci. Alle 16.30 si potrà partecipare ad un vero e proprio cammino lauretano nelle campagne recanatesi, accompagnati da una guida naturalistica: si percorrerà una parte della Lauretana che fa ingresso a Recanati dal versante ovest, dove si passerà in rassegna il quartiere Castelnuovo e le sue peculiarità, tra cui la Chiesa di Santa Maria, Porta Cannella, famosa per gli artigiani (tra cui Castagnari) e la Piaggia, dove c’è un’edicola che si affaccia proprio sulla Santa Casa. Tramite poi delle scalette si raggiungerà il duomo. Un’altra tratta, parte dalla piazza Leopardi per passare, subito dopo il quartiere San Francesco, alle campagne sottostanti, e risalire da Porta D’Osimo verso Castelnuovo. Passaggio strategico che permette di affacciarsi sia sul versante costiero con il Monte Conero, sia quello collinare-appenninico con i Sibillini, un’occasione per una facile lettura del paesaggio da sempre utilizzato dall’uomo per i suoi lavori. Sempre alle 16,30 percorso guidato nel centro di Recanati alla riscoperta dei risvolti artistici ed economici che il pellegrinaggio verso Loreto e il culto mariano hanno comportato. Un percorso che non può prescindere dalla visita dell’Annunciazione di Lorenzo Lotto, realizzato per la Chiesa di Santa Maria dei Mercanti e conservata nel Museo civico Villa Colloredo Mels. Itinerante l’accompagnamento musicale di Roberto Lucanero con il suo organetto, strumento diventato dall’800, soprattutto nelle Marche, simbolo del pellegrino perché ne allietava il lungo cammino verso il Santuario mariano. Alle 19 sarà offerto un concerto nella cattedrale di San Flaviano, in programma lo Stabat Mater di G. B. Pergolesi, sequenza dedicata alla Vergine. I solisti scelti per questo importante appuntamento saranno il soprano Aurora Tirotta ed il mezzosoprano Francesca Ruospo spesso protagoniste sul palco del Teatro alla Scala di Milano, ad accompagnare il prestigioso duo sarà il Quintetto Gigli del maestro Luca Mengoni, diretto dal maestro Riccardo Serenelli.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X