Oltre mille spettatori allo Sferisterio,
arriva l’ok della Regione

MACERATA - Accolta la richiesta del Comune, in Arena potranno entrare più persone di quelle previste dal decreto a partire dalle serate finali di Musicultura in programma venerdì e sabato. Possibile un'ulteriore deroga per la stagione lirica
- caricamento letture

Arena-Sferisterio-Alfredo-Tabocchini

 

Lo Sferisterio di Macerata potrà ampliare la capienza massima di spettatori. Lo ha deciso oggi la giunta regionale con una deliberazione proposta dall’assessore regionale alla Cultura, Giorgia Latini con la quale si autorizza il Comune, che aveva richiesto una deroga in tal senso lo scorso 26 maggio, ad estendere il numero di spettatori il Comune di Macerata. Intanto Musicultura, che questo venerdì e sabato avrà le serate finali, potrà passare dagli 880 spettatori previsti a 1.080, numero che potrebbe variare in base alla presenza di congiunti o meno. Per il Macerata Opera Festival, invece, che partirà il 23 luglio con la prima dell’Aida potrebbe essere chiesta un’ulteriore deroga, se come previsto le Marche entreranno in zona bianca. 

giorgia-latini-lucia-borgonzoni

Lucia Borgonzoni e Giorgia Latini

«E’ una risposta concreta ad una legittima esigenza – spiega l’assessore Latini – sulla quale abbiamo lavorato in sinergia con il sottosegretario alla Cultura, Borgonzoni e con il territorio: Università, Comune, Sovrintendente dello Sferisterio, Area vasta 3, per arrivare all’elaborazione di un documento che garantisca tutti gli aspetti, dalla sicurezza alla massima fruizione degli spettacoli che si svolgeranno nell’Arena». La delibera approvata tiene conto delle linee guida per lo spettacolo dal vivo e il cinema che sono state approvate con ordinanza del ministro della Salute dello scorso 29 maggio e che consente proprio alle Regioni, sentite l’Azienda Sanitaria locale, di derogare al numero massimo di spettatori. In base al decreto legge del 22 aprile è consentita la riapertura delle attività di spettacolo in zona gialla a «condizione che sia rispettata la distanza di almeno un metro sia per gli spettatori che non siano abitualmente conviventi, sia per il personale. La capienza consentita – recita il decreto – non può essere superiore al 50 per cento di quella massima autorizzata e il numero degli spettatori non può comunque essere superiore a 1000 per gli spettacoli all’aperto e a 500 per gli spettacoli in luoghi chiusi per ogni singola sala». Tuttavia, in zona gialla, in relazione all’andamento della situazione epidemiologica e delle caratteristiche dei siti e degli eventi all’aperto, può essere stabilito un diverso numero massimo di spettatori, nel rispetto dei principi fissati dal Comitato tecnico scientifico, con linee guida idonee a prevenire o ridurre il rischio di contagio, adottate dalla Conferenza delle regioni e delle province autonome. «In particolare – spiega la Regione – la deroga è stata adottata sulla base del parere espresso dall’Area Vasta 3 che, a seguito di sopralluogo presso l’Arena Sferisterio, ha autorizzato l’ampliamento dei posti. Il parere dell’Azienda sanitaria ha una validità temporanea perché è legato alla situazione attuale sia sotto il profilo sanitario-epidemiologico che normativo e quindi in futuro potrebbe variare».

(redazione CM)

 

 

«Sferisterio in presenza quasi al 100% Ospedale? Non abbiamo trovato nulla, solo la grana del terreno»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X