Un Lotto inedito a Civitanova,
mostra e indagini tecniche

ARTE - Sorpresa per una esposizione proposta da Unitre, amministrazione e Pinacoteca Moretti. Si tratta di un dipinto raffigurante l'Assunzione di Maria, lo stesso tema della pala d'altare di Ancona. Gli studi per stabilirne l'autenticità sono affidati a Stefano Papetti e all'Università di Camerino
- caricamento letture
assunta-lorenzo-lotto

La pala di San Francesco ad Ancona

 

di Laura Boccanera

In arrivo a Civitanova un presunto Lorenzo Lotto inedito. La tela, attribuita al grande artista veneziano sarà esposta alla Pinacoteca Moretti, a Civitanova da giugno a novembre. 

Proviene da un’abitazione privata di Civitanova Alta e la proprietà ha deciso di rimanere anonima, sull’opera, per confermarne l’attribuzione opereranno l’Università di Camerino e Stefano Papetti. L’annuncio arriva a sorpresa in una delibera di giunta che autorizza una mostra che si svolgerà in Pinacoteca da giugno a novembre e per la quale si stanziano poco meno di 5mila euro per l’organizzazione dell’evento. Lorenzo Lotto nelle Marche arriva nel 1549 per dipingere la pala d’altare di San Francesco alle scale di Ancona, nelle sue intenzioni si tratta di un soggiorno limitato nel tempo e invece nelle Marche rimarrà fino alla morte. Le sue opere in terra marchigiana sono molteplici, dalla celeberrima Annunciazione di Recanati, alla pala di Santa Lucia a Jesi, il San Cristoforo, San Rocco e San Sebastiano contenuto nella Basilica di Loreto e, in territorio maceratese La Madonna del Rosario di Cingoli, la Madonna in gloria e santi di Mogliano o la Crocifissione di Monte San Giusto solo per citare le opere più note. Della presenza di un Lotto anche a Civitanova finora non vi era traccia né su pubblicazioni scientifiche, né nei racconti orali tanto che l’opera che sarà in mostra da giugno non è stata mai esposta prima. La tela raffigura l’Assunzione di Maria ed è in dimensioni minori, la stessa iconografia della pala d’altare di Ancona. Il dipinto, che probabilmente è un bozzetto preparatorio proviene da una dimora storica di Civitanova Alta e per le fattezze e la realizzazione ha acceso un grande interesse fra gli studiosi d’arte. Proprio per verificare se possa essere effettivamente un Lotto originale sarà oggetto di studi iconografici e indagini diagnostiche e riflettografiche da parte dell’Università di Camerino sotto la guida di Stefano Papetti per rintracciare, anche attraverso la scienza, gli elementi che costituiscono la firma dell’artista o per smentire che si tratti di lui. Per l’esposizione è stata stanziata una somma  di 4.770 euro per l’Unitre che si occuperà dell’organizzazione dell’evento. La curatela scientifica è della direttrice della Pinacoteca Enrica Bruni.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X