Ciclovie Musone e Potenza,
la Regione liquida ai Comuni
l’anticipo per la progettazione

OPERE - Avanza l'iter per la realizzazione, erogati 195mila euro per Osimo e Recanati. Baldelli e Latini: «Nessun mezzo di trasporto sarà lasciato indietro da questa amministrazione»
- caricamento letture

 

baldelli-latini

Gli assessori Francesco Baldelli e Giorgia Latini

 

Passo in avanti per la realizzazione della ciclovia turistica del Musone, con capofila il Comune di Osimo e della ciclovia turistica del Potenza, con capofila il Comune di Recanati. Entrambi gli interventi sono finanziati dalla Regione, per un importo di 650mila euro ad opera, ma i soggetti attuatori sono i Comuni. La Regione ha liquidato agli Enti gli anticipi del 30 per cento sui finanziamenti complessivi, pari a 195mila euro ad opera. Anticipi che consentono ai Comuni di avviare immediatamente la progettazione definitiva ed esecutiva, per poi procedere nei prossimi mesi alla realizzazione delle opere, da concludersi entro il 2021. «La Regione, nella logica di creare una rete interconnessa e intermodale di infrastrutture, è attenta a non lasciare indietro né il trasporto su gomma e su rotaie, né le piste ciclabili, perché, nella nostra visione di insieme, ogni mezzo di trasporto deve essere intercambiabile – spiega l’assessore regionale ai Lavori pubblici, Francesco Baldelli -. Così come vogliamo realizzare una rete stradale e ferroviaria che colleghi il nord con il sud della regione e la costa con l’entroterra, allo stesso modo vogliamo realizzare una rete ciclabile regionale costituita da un asse costiero nord-sud che percorra la fascia adriatica e si connetta con le direttrici trasversali est-ovest disposte lungo le principali vallate fluviali. Le ciclovie turistiche del Musone e del Potenza rientrano in questo progetto». «La ciclovia turistica del Musone rappresenta un progetto importantissimo per tutta la Regione. Da nord a sud, da est a ovest – ha aggiunto l’assessore alle Piste ciclabili, Giorgia Latini – è fondamentale realizzare questi progetti perché permettono ai tanti appassionati – che ogni giorno crescono sempre di più – di attraversare e visitare pedalando il nostro bellissimo territorio, dalla montagna alla costa. Tra borghi storici, strade e fiumi, sostando lungo il percorso, è un’esperienza fantastica che permette di valorizzare la nostra regione rispettando ciò che abbiamo intorno a noi». Per entrambe le piste è prevista la realizzazione di un primo stralcio. La ciclovia del Musone, quando sarà completa, collegherà Numana con Cingoli, passando per Loreto, Recanati, Osimo e Filottrano. Il primo stralcio ad essere realizzato sarà il tratto che parte dalla frazione osimana Padiglione per poi arrivare – attraverso la pista ciclabile Girardengo di Campocavallo – fino alla stazione di Loreto e da qui si collegherà a sua volta con la pista ciclabile Fausto Coppi che porta sul lungomare di Porto Recanati in zona Scossicci, per una lunghezza di 13 chilometri. La ciclovia del Potenza, quando sarà completa, collegherà Porto Recanati con Fiuminata e Sefro, passando per Recanati, Montelupone, Macerata, Pollenza, San Severino, Castelraimondo e Pioraco, per una lunghezza complessiva di 70 chilometri ciclopedonali dal mare all’entroterra. Il primo stralcio ad essere realizzato sarà il tratto tra Porto Recanati-Recanati e Montelupone, per una lunghezza di 23 chilometri.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X