“Non solo kebab” riapre e rassicura:
«Tutti negativi e norme rispettate,
calo degli incassi del 70%»

CIVITANOVA - Imed Chehidi, il fratello del tunisino rimasto contagiato dal Covid, ha riaperto il locale dopo al sanificazione. «Da 15 giorni non veniva al lavoro, subito dopo aver visto che aveva alcune linee di febbre. Ora è a casa in quarantena, per fortuna sta bene»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

imed-chehidi-non-solo-kebab-2-650x488

Imed Chehidi

 

di Laura Boccanera

Di nuovo aperto “Non solo kebab”, il locale di proprietà del tunisino risultato positivo al Covid. Questa mattina il fratello Imed Chehidi ha ricevuto anche la visita degli uomini del servizio di prevenzione dell’Asur, lo Spresal per la sicurezza dei lavoratori assieme ai carabinieri della compagnia di Civitanova. Lui e i dipendenti sono negativi. «Ma qui ora la gente ha paura, ieri un ragazzo è passato dall’altra parte del marciapiede. Nella giornata di ieri ho incassato il 70% in meno».

imed-chehidi-non-solo-kebab-1-325x244Imed è sollevato dal fatto che il fratello stia bene e che il locale abbia potuto riaprire in tempi rapidi, ma ora teme il contraccolpo della paura del contagio sui suoi affari e su quelli dei vicini. Su quel tratto di lungomare infatti insistono numerose attività: ristoranti, pub, gelaterie e la sera è sempre molto affollato. Nonostante la positività di uno dei titolari il contagio, in base agli esiti dei tamponi, non si è propagato. Il tunisino infatti già 15 giorni fa aveva lasciato il locale: «Mio fratello ha avuto la febbre ed è rimasto a casa subito – racconta Imed – poi è andato dal dottore e gli ha dato le medicine. Ma poi andando all’ospedale per un altro problema ha scoperto di essere positivo. È stato ricoverato (un paio di giorni nel reparto di malattie infettive a Macerata) e ora sta in quarantena».

imed-chehidi-non-solo-kebab-4-325x244Immediatamente si è attivata la macchina per risalire ai contatti con i carabinieri che hanno fatto sottoporre Imed e i dipendenti ai tamponi. Per loro il risultato è negativo. Resta da capire chi possa avere infettato il fratello. Un familiare che però non vive con lui pure è positivo ma non vive a Civitanova e i due hanno contatti saltuari. Ad ogni modo, dopo la sanificazione già da ieri l’attività ha riaperto. «Abbiamo fatto tutto in sicurezza. Già dalla ripresa delle attività a maggio abbiamo sistemato i banconi per non fare entrare la gente all’interno, così che possano aspettare fuori. Dentro c’è più spazio – continua Imed – Abbiamo collocato la cassa lontano dalla somministrazione dei cibi e chi tocca i soldi non tocca il kebab e il cibo. Mio fratello ci ha salvati. È scrupoloso, appena non è stato bene con le prime linee di febbre è rimasto a casa». Ma il tam tam e la paura hanno influito sull’andamento degli affari e sulla reputazione del locale e Imed rassicura tutti i clienti e ringrazia anche i carabinieri per l’operato. Vicinanza è stata espressa anche dalla vicina di locale, Monica Bordoni della gelateria Extasy: «Loro hanno fatto tutto quello che era previsto seguendo le regole e spiace ora leggere certi commenti e opinioni. Non si possono prendere di mira le attività che lottano fino alla fine per salvare una stagione facendo tutto in regola e poi c’è chi può fare di tutto senza rispetto di alcun distanziamento o uso della mascherina. Basta guardare cosa succede poco lontano da qui».

imed-chehidi-non-solo-kebab-3-650x488

 

Commerciante positivo al Covid, tamponi ok per fratello e dipendenti Ciarapica: «Evitare gli assembramenti»

Commerciante del lungomare nord positivo al Covid, scattano i controlli Caroli: «Virus c’è, è come sotto la cenere»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X