Strada Pian Perduto senza fine,
arrivata la seconda perforatrice

SISMA - La via di collegamento con Castelluccio ancora chiusa dal 2016. I lavori sono in corso ma mancava il macchinario che l'anno scorso si era rotto. Il presidente della Provincia Pettinari: «Giungere il prima possibile al ripristino di questa provinciale da troppo tempo chiusa»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

pian-perduto-26-maggio-650x488

La nuova macchina perforatrice arrivata in cantiere

 

Arrivato oggi il secondo macchinario che serve per la palificazione della strada provinciale Pian Perduto, chiusa (tranne brevissime parentesi estive) dal terremoto del 2016. La strada, che collega le Marche e l’Umbria congiungendo Castelsantangelo e Castelluccio di Norcia, è oggetto di lavori gestiti da Anas da circa quattro anni, in cinque lotti. L’ultimo, quello più costoso, è quello che va dall’hotel la Fiorita fino al Pian Perduto che dà il nome alla strada. Anche l’anno scorso era stata portata una seconda macchina perforatrice ma poi si era rotta.

A chiedere più volte la macchina perforatrice per accelerare i lavori è stata la Provincia. «Questa è una buona notizia per il nostro territorio – dichiara il presidente Antonio Pettinari -, anche se stiamo parlando di una strada ancora interrotta. Il cantiere, che è stato attivo pure nella giornata di sabato scorso, ora procederà più velocemente per giungere il prima possibile al ripristino di questa provinciale da troppo tempo chiusa».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X