Casa di riposo di Cingoli,
altri 7 anziani in via di guarigione
«Struttura trasformata in ospedale»

CORONAVIRUS - Gli ospiti sono risultati negativi a un primo tampone. Altri pazienti non mostrano più i sintomi del Covid-19, ma restano positivi. Il sindaco Vittori: «Qui abbiamo grandi medici»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Schermata-2020-04-30-alle-20.13.29-325x229

Volontari della Croce rossa di Cingoli impegnati nella terza distribuzione delle mascherine ai cittadini

 

di Leonardo Giorgi

Focolaio di Coronavirus della casa di riposo di Cingoli, altri sette ospiti in via di guarigione. Buone notizie dalla struttura di ricovero che dall’inizio della pandemia ha dovuto contare otto vittime, oltre a decine di contagiati. Dopo la completa guarigione di sette pazienti (attualmente ricoverati nell’ospedale comunale per la degenza post-Covid) nelle scorse settimane, altri sette anziani sono risultati negativi a un primo tampone. Sabato i sette pazienti effettueranno un secondo test e se la diagnosi dovesse essere confermata saranno ufficialmente guariti e trasferiti in ospedale. I tamponi sono stati effettuati anche su altri ospiti che tuttavia, pur non mostrando i sintomi del Covid-19, risultano ancora positivi al virus. «Siamo riusciti a trasformare una casa di riposo in un ospedale – ha sottolineato il sindaco Michele Vittori -, quando il ricovero nei plessi ospedalieri non era consentito per queste persone, ed i risultati si toccano con mano. Resta comunque un grande dolore per chi non c’è più, ma anche la consapevolezza di essere serviti da grandi professionalità mediche che sono emerse tra la medicina generale e quella militare, capaci di guarire persone non più prossime alla giovane età e colpite da uno dei virus più letali della storia recente. E questo è un merito inconfutabile – ha concluso Vittori – delle terapie che l’amministrazione ha rivendicato sin dall’inizio della pandemia e magistralmente attuate dal dottor Luigi Ippoliti, dai medici della Marina militare e da tutto il personale sanitario». Il contagio cala, anche se lentamente, anche nel resto del territorio. I casi confermati fuori dalla casa di riposo, secondo gli ultimi dati del Gruppo operativo regionale per le emergenze sanitarie (Gores), sono 27 (sette giorni fa erano 29). Questa mattina è iniziata inoltre la terza distribuzione di mascherine a tutti i cittadini di Cingoli, con il supporto del comitato locale della Croce rossa.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X