Casellati ammonisce:
«Ricostruzione tartaruga»
L’Anci pressa sul Milleproroghe

SISMA - Mangialardi ha guidato la delegazione delle quattro Regioni colpite a palazzo Madama. Sulle parole della presidente del Senato: «La sua indignazione è la nostra. Attendiamo una legge organica che possa essere utile anche per la futura gestione di calamità simili e che il nostro documento venga recepito»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

incontro-anci-senato

La delegazione Anci in Senato con la presidente Elisabetta Casellati

«Il grido d’allarme delle popolazioni colpite dal terremoto va ascoltato e recepito con urgenza da parte delle istituzioni e della politica. L’Italia non può essere campione nell’emergenza e tartaruga nella ricostruzione. Ne va della vita delle persone e della stessa credibilità del nostro Paese». Queste le parole di Elisabetta Casellati, presidente del Senato, che ieri a palazzo Madama ha ricevuto una delegazione dell’Anci rappresentativa delle quattro regioni colpite dai terremoti del 2016: Marche, Umbria, Lazio e Abruzzo. Per Casellati è anche «incomprensibile che dei 22 miliardi di euro stanziati dal 2016 ad oggi sia stato possibile utilizzare appena 49 milioni a causa di procedure lunghe e burocratiche. La rinascita sociale, economica e culturale di quelle terre martoriate dipende esclusivamente dalla celerità della ricostruzione attraverso normative simili a quelle dell’emergenza. Mi auguro – ha concluso -, che il Parlamento e il Governo si facciano carico di dare al più presto risposte tempestive ed efficaci alle comunità così duramente colpite dagli eventi sismici e provate da oltre tre anni di attesa e di disagi».

A commentare oggi queste parole è Maurizio Mangialardi, presidente di Anci Marche che ha guidato la delegazione: «l’indignazione della presidente Casellati è la nostra. Abbiamo rilanciato con forza le nostre ragioni. L’appello della seconda carica dello Stato non deve cadere inascoltato e l’auspicio è che si proceda quanto prima a recepire le richieste che Anci ha posto anche al ministro Paola De Micheli ad Ascoli Piceno lo scorso 28 gennaio e a Vito Crimi nel corso dell’assemblea di Roma del 16 gennaio». Le richieste dell’Anci restano «una legge organica che possa essere utile anche per la futura gestione di calamità simili – ha detto Mangialardi – e l’approvazione del documento di sintesi già prodotto dalle 4 Anci regionali e dai suoi tecnici e che è stato assunto nell’assemblea a Roma con i punti individuati dai sindaci per far ripartire la ricostruzione pubblica e privata. Grazie all’azione dell’Anci abbiamo ottenuto una legge dedicata e, attraverso il confronto col governo, contiamo che i punti sintetizzati nel documento approvato in assemblea e che il presidente Decaro ha portato nell’audizione al governo, possano essere inseriti nel Decreto Milleproroghe. In particolare abbiamo preparato l’emendamento che riguarda il personale che non è più rinviabile». Se l’Anci riterrà insufficienti le risposte «sappiamo di poter contare sull’appoggio di 8mila sindaci italiani già pronti ad essere mobilitati dal nostro presidente Decaro», conclude Mangialardi.

Il ministro De Micheli: «Viabilità sisma è prioritaria, lavoriamo per avere imprese nel cratere»

Sisma, l’ultimatum dei sindaci: «O accogliete le modifiche o scendiamo tutti in piazza»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X