Braccio di ferro sulla cultura,
Squadroni bacchetta Gabellieri

CIVITANOVA - Rimostranze da parte della presidente dell'Azienda speciale Teatri di Civitanova per le uscite recenti dell'assessore sui festival. Per Futura rinnovata la proprietà del marchio per tre anni: «prima di lanciare notizie spot contro o a favore dell'una o dell'altra iniziativa, era il caso di valutare bene costi, programmi, format». Possibilista sull'ipotesi di entrare in giunta
- caricamento letture
squadroni-tdic-teatri-civitanova-FDM

Silvia Squadroni presidente TdC

 

«Consiglio comunale e Azienda non vengono messi al corrente nelle forme istituzionali delle scelte del Palazzo, Futura è previsto e abbiamo rinnovato il marchio per altri tre anni». Bordate all’assessore alla cultura Maika Gabellieri da parte del presidente dell’azienda Teatri di Civitanova Silvia Squadroni. L’avvocato civitanovese interviene per dirimere alcune questioni che in questi giorni si sono diffuse in merito alla politica culturale in particolare sui festival e non risparmia stoccate all’assessore. Dopo che il precedente presidente Francesco Centioni si dimise da vertice dell’azienda per incomprensioni e frizioni con la Gabellieri, stavolta è la Squadroni a mettere i puntini sulle i e chiedere il rispetto del ruolo dell’azienda speciale rispetto all’assessorato alla cultura e a chiedere al sindaco di evitare fastidiose sovrapposizioni. La Squadroni conferma anche la richiesta da parte di Ciarapica ad avere un colloquio per valutare la possibilità di ingresso in giunta. Fissato un incontro in attesa che il Tar si pronunci in merito al ricorso presentato sulla nomina degli assessori e sulla mancanza di una quota rosa in giunta. Ma in veste tuttora di presidente dell’azienda speciale non risparmia alcune critiche e perplessità sull’operato dell’assessorato alla cultura. In particolare il riferimento è ai festival della città. Recentemente la Gabellieri ha sottolineato come Popsophia sia il festival di Civitanova, mentre Futura un’iniziativa di nicchia e con poche presenze tanto che al momento non c’è stato ancora un incontro col direttore artistico Gino Troli per la programmazione dell’edizione estiva. Ma la Squadroni non ci sta, sia perchè l’Azienda (che possiede il marchio) ha rinnovato per tre anni la proprietà, sia perchè il budget per il 2018 è stato ridotto del 50%. «Popsophia è tornata a Civitanova già nel 2017 e il Consiglio Comunale ha votato la delibera n. 90/2017 con cui ha affidato l’iniziativa all’azienda Teatri di Civitanova anche per l’anno 2018. Leggo che l’assessore Gabellieri fa propria l’iniziativa di Popsophia, negando quella di Futura Festival, quando, per dovere di correttezza, va ricordato che il marchio di quest’ultima è stato rinnovato nella registrazione per ulteriori tre anni come da richiesta ed accordo con il Sindaco, registrazione operata con denaro dell’ Azienda Teatri. Forse era sfuggito questo particolare. D’altronde né il consiglio comunale, né l’Azienda Teatri di Civitanova vengono minimamente messi al corrente nelle forme istituzionali delle scelte di palazzo. Quel che non comprendo è perché si cerchi di istituire una sorta di duplicazione tra uno strumento creato dall’intero consiglio comunale per la gestione degli eventi e delle manifestazioni legate alla cultura con l’approvazione piena del Consiglio Comunale. Mi par di comprendere, invece, che in seno all’assessorato si stia cercando di operare un distinguo tra manifestazioni “da tenersi in carico” e manifestazioni da “lasciare” all’Azienda Teatri che cosi verrebbe snaturata in quanto statutariamente deputata per volontà del Consiglio Comunale tutto, a svolgere queste particolari funzioni. Da persona corretta ed onesta quale sono, ho rappresentato, con l’unanime consenso del cda, a sindaco ed assessore questa ed altre anomalie, chiedendo, peraltro, copertura economica che mi è giunta ad oggi per 630mila euro a fronte di 1 milione e 200mila stanziati nel 2017 per le iniziative programmate ed approvate dal consiglio comunale. Nel bilancio triennale dell’azienda dei teatri approvato dal consiglio comunale (che è l’unico organo da cui questa dipende) con delibera n. 90/2017, per gli anni 2017/2019 sono previsti sia Popsophia che Futura Festival con attribuzione di rispettivi impegni di spesa, salvo ovviamente le dovute integrazioni in corso d’opera».

conferenza-fine-anno-maika-gabellieri-civitanova-FDM-6-e1519054487305-325x321

Maika Gabellieri

E poi la stoccata di carattere politico contro la Gabellieri: «prima di lanciare notizie spot contro o a favore dell’una o dell’altra iniziativa, sarebbe stato il caso di valutare bene i costi, i programmi, il format, l’impatto culturale e quant’altro e solo allora, coinvolgendo sia l’azienda che il consiglio comunale, decidere se, cosa e come fare. Spesso vengono serviti piatti all’opposizione, che da sola mai riuscirebbe a cucinare». E sulla possibilità tangibile che la Squadroni diventi la terza donna della giunta si mostra possibilista e dice: «Sono legata da un’antica e fedele amicizia a Fabrizio Ciarapica, con cui ho condiviso gli anni della comune appartenenza ad una passata giunta comunale e che stimo come uomo e come politico e proprio perché la richiesta arriva da lui per ora ho dato la mia disponibilità al colloquio. Ad oggi, sono la presidente dell’Azienda Teatri. Domani si vedrà».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X