Ius soli, Paolo Diop su Rai 3:
“L’italianità è un percorso”

TV - Il 30enne maceratese, responsabile immigrazione del Movimento nazionale per la sovranità, protagonista della trasmissione Chakra. La conduttrice Michela Murgia: "Vedere un nero di destra un po' sconcerta"
- caricamento letture

paolo-diop-rai2-650x488

paolo-diop-rai

Paolo Diop e la conduttrice Michela Murgia

 

Paolo Diop protagonista su Rai 3. Il 30enne maceratese originario del Senegal è stato ospite della trasmissione Chakra condotta dalla scrittrice Michela Murgia. Diop, responsabile nazionale per l’immigrazione del Movimento nazionale per la sovranità, è intervenuto sul tema dello Ius soli e sul significato di “essere italiani”. «Io credo che l’italianità sia un percorso – ha sottolineato il maceratese in riferimento alla storia di alcuni giovani atleti di origini africane e residenti in Italia che non possono partecipare alla Nazionale azzurra -. I ragazzi a 18 anni diventano comunque cittadini italiani. Dare subito la cittadinanza a uno straniero può essere pericoloso». La conduttrice Murgia ha più volte evidenziato la discrepanza tra le origini di Diop e la sua appartenza alla destra. «Però non mi sono mai sentito discriminato in quanto non cittadino italiano – ha raccontato -. A 18 anni ho preso la cittadinanza e oggi posso dire di sentirmi italiano e avere il cento per cento di italianità. Il fatto che le persone non si integrano bene con il tessuto sociale può essere origine di scontri, basti guardare ai terroristi “foreign fighters”. Meglio avere la possibilità di espellerli, piuttosto che dare subito la cittadinanza». «Vedere un nero di destra un po’ sconcerta» ha ammesso la conduttrice. «Questo è un pregiudizio – ha risposto Diop -. É vero che a destra ci sono state persone che hanno visto lo straniero come un nemico, ma anche la destra si sta innovando. Lo straniero è nemico solo quando non rispetta le regole. Spesso lo straniero si mette sulla difensiva, dicendo che gli italiani sono razzisti. Ma se io venissi a casa sua e cominciassi a saltarle sul divano nuovo, sono convinto che non mi inviterà più». Nelle prossime settimane è prevista la presenza del giovane maceratese in altre trasmissioni del palinsesto Rai.

(Leo. Gi.)

Tarquinio: “Più che di Ius soli, è meglio parlare di Ius Culturae”

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X