facebook twitter rss

Carovane nel cuore di Visso:
recupero di abiti e opere d’arte
Le immagini della zona rossa

REPORTAGE - Sono rimaste le sagome degli spaventapasseri nel centro blindato: ci possono accedere solo i vigili del fuoco che accompagnano residenti e commercianti. Lino Sorana: "Siamo partiti alle 8 da Tortoreto. Avevo il negozio in piazza, sono venuto per recuperare un po' di merce". Tra le case di color pastello devastate dal terremoto un allarme suona da giorni.
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

1K Condivisioni
Il crollo in una casa nel centro di Visso

LE NUOVE IMMAGINI – Il crollo in una casa nel centro di Visso

 

terremoto-zona-rossa-piazza-visso-fdm-5

 

dal nostro inviato

Gianluca Ginella

(Foto di Federico De Marco)

Visso è la frontiera. Oltre non si va senza il pass. Dopo essere saliti da Muccia, lasciata la superstrada, si passa per frazioni che chilometro dopo chilometro mostrano sempre di più i danni lasciati dal terremoto che ha colpito la provincia prima il 24 agosto, poi il 26 ottobre e il 30 ottobre. Si va oltre le brecce aperte dal sisma nelle case della frazione di Villa Sant’Antonio lungo strade dove manovrano i mezzi dell’esercito e dei vigili del fuoco e le camionette di carabinieri e polizia e i fuoristrada della protezione civile. A Visso la polizia presidia la strada per Ussita e Castelsantangelo. La mattina tanti partono dalla costa per raggiungere questi tre comuni e recuperare quello che hanno dovuto abbandonare nelle loro case. Per andarci c’è da fare la fila al distaccamento dei vigili del fuoco dove sono in servizio 24 uomini: sei di Macerata, gli altri vengono da Pescara e da Campobasso (due squadre da 9 ciascuna).

Il distaccamento dei vigili del fuoco a Visso

Il distaccamento dei vigili del fuoco a Visso

«Qui dobbiamo garantire la logistica ed effettuare gli interventi di soccorso tecnico urgente» spiega il caposquadra, Marco Giretti. Si entra, si dà un documento e si spiega il motivo per cui si vuole entrare nelle zone rosse. Chi deve raggiungere il centro di Visso lo può fare con un elmetto e con i vigili del fuoco. «Questa mattina siamo partiti alle 8 da Tortoreto per venire a recuperare la merce nel negozio – dice Lino Sorana, che dal 1967 ha un negozio di abbigliamento in centro –. La speranza non è quella di riaprire il negozio ma di vendere la merce che ho». Con lui ci sono alcuni suoi familiari. Ottenuto il permesso di raggiungere il negozio una piccola carovana parte per il centro storico, guidato da un Land Rover dei vigili del fuoco. Nel centro di Visso i mezzi attraversano vicoli stretti dove sono seminate macerie dei palazzi intorno che sembrano essere stati presi a cannonate.

vdf-zona-rossa-piazza-visso-fdm-10

La merce messa in salvo dal negozio di Sorana

E’ così che si arriva sulla piazza dove le case hanno colori pastello. Lì l’unico suono che si sente è quello di un allarme. «Va avanti così da giorni» dicono i vigili del fuoco. Da dove provenga quella voce sinistra non lo sa nessuno. L’orologio del palazzo dei priori è fermo. Le lancette sono ferme alle 7,38. Forse a rompere il meccanismo è stata la scossa delle 7,40 del mattino del 30 ottobre. La scossa, di magnitudo 6.5, che ha dato il colpo di grazia al piccolo comune. Sorana raggiunge il suo negozio e i vigili del fuoco, guidati dal caposquadra Rino Girinelli, che viene da Pescara, dopo aver verificato che non ci siano rischi gli danno il permesso per andare a recuperare la merce: giubbotti, jeans, maglie. Tutto quello che si può e che poi Sorana carica sulle due auto con cui lui e i suoi familiari sono arriva a Visso: una Fiat Multipla e un furgoncino.

vdf-zona-rossa-piazza-visso-fdm-9«Facciamo attività di verifica sul momento per capire se le persone possono fare il recupero. Valutiamo la tipologia dello stabile e i danni riportati. Stabiliamo empiricamente se lo stabile è agibile – dice Rino Girinelli –. Se lo stabile è sicuro facciamo entrare anche i proprietari. Li aiutiamo per ridurre al minimo i tempi di permanenza. Tre giorni fa c’è capitata una scossa di media entità mentre eravamo al terzo piano di una palazzina in cemento armato che aveva delle lesioni alle tamponature. Non ci siamo mossi. Alle scosse ci stiamo abituando, sono continue. Arrivano la notte mentre dormiamo nella tenda allestita nella piazza». Davanti al negozio un’auto di una troupe della Rai è semisepolta dal crollo di una palazzina, poco più in là stanno i tavolini e le sedie color arancio di un bar-pizzeria come memorie di un giorno d’una estate ormai fredda.

terremoto-zona-rossa-piazza-orologio-h7_37-visso-fdm-6Il resto sono macerie di ogni sorta e grosse pietre lavorate che erano l’ornamento delle facciate degli storici palazzi del centro. Mentre la squadra di Girinelli aiuta il commerciante a portare fuori la merce, al museo diocesano altre squadre dei vigili del fuoco e i carabinieri del Nucleo tutela patrimonio artistico si stanno occupando di mettere in salvo alcune opere, tra queste un polittico di Paolo da Visso. Nella vicina chiesa, di fianco al museo, altri vigili del fuoco si stanno occupando del recupero di una statua della Madonna. E intorno a queste operazioni un paesaggio di palazzi sventrati, quelli da cui pendono lunghi tendaggi, quelli da cui spunta l’arredo di un salottino o un materasso franato nel mezzo di un crollo. E su tutto questo vegliano le sagome di alcuni spaventapasseri. Li avevano messi dopo il sisma del 24 agosto perché dovevano spaventare il terremoto, secondo una credenza. Sono gli ultimi abitanti rimasti nel centro.

Uno degli spaventapasseri

Uno degli spaventapasseri

terremoto-zona-rossa-piazza-visso-fdm-7

terremoto-zona-rossa-piazza-visso-fdm-8

terremoto-zona-rossa-piazza-visso-fdm-4

terremoto-zona-rossa-piazza-visso-fdm-15

visso-terremoto-2

Il recupero del trittico di Paolo Da Visso

visso-terremoto-1

terremoto-zona-rossa-piazza-visso-fdm-13

terremoto-zona-rossa-piazza-visso-fdm-10

terremoto-zona-rossa-visso-fdm-11

pupazzi-spaventapasseri-terremoto-piazza-visso-5

pupazzi-spaventapasseri-terremoto-piazza-visso-4

vdf-zona-rossa-piazza-visso-fdm-5

vdf-zona-rossa-piazza-visso-fdm-2

vdf-zona-rossa-piazza-visso-fdm-3

vdf-zona-rossa-piazza-visso-fdm-6

visso

terremoto-zona-rossa-piazza-museo-civico-diocesano-visso-fdm-2

visso-piazza

visso-piazza1

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X