Park Sí, arrivano i pareri
Marchiori: “Molti dubbi”

MACERATA - Il sindaco Romano Carancini ha trasmesso le valutazioni legale e tecnico-amministrativa ai consiglieri. L'opposizione di Fi: "É una transazione economica camuffata"
- caricamento letture
L'ingresso del ParkSì da via Mugnoz

L’ingresso del ParkSì da via Mugnoz

di Claudio Ricci

Park Sí: la documentazione arriva ai consiglieri comunali. Il sindaco Romano Carancini ha provveduto ad inviare i pareri ieri mattina. Da ieri un corposo dossier è all’attenzione di maggioranza e opposizione. Tra le carte ci sono il parere legale dell’avvocato Alessandro Luchetti – sostanzialmente favorevole ma con diverse pagine di omissis – e la fattibilità tecnico-amministrativa del centro studi enti locali che quantificherebbe i termini economici dell’operazione. Un esborso di poco superiore a 1,6 milioni di euro come aveva anticipato il sindaco Romano Carancini a Cronache Maceratesi (leggi l’articolo). Si preannunciano giorni di ferie a metà per i consiglieri che dovranno studiare le carte prima del Consiglio del 12 settembre mentre la maggioranza è convocata prima di San Giuliano per una riunione il 26 agosto. Da lì usciranno le indicazioni per il dibattito consiliare in cui verrà portata la questione che comprende anche il nuovo piano di mobilità e la pedonalizzazione del centro storico.

conferenza parksì in comune foto ap (2)

Il consigliere di Fi Andrea Marchiori

Il consigliere di Fi Andrea Marchiori

 

Molti i dubbi del consigliere di Fi Andrea Marchiori che già su Cm aveva espresso perplessità sulla natura dell’operazione: “Il centro studi enti locali dice che l’operazione non ha natura economica anche se giuridicamente si può portare a termine solo attraverso la risoluzione del contratto di concessione. É come a dire che sotto l’intero piano di mobilità c’è invece una transazione economica. A ciò si aggiunge la valutazione dell’immobile di circa 1,65 milioni. Una cifra asettica che non tiene conto di tutto ciò che fa riferimento alla trattativa come la situazione economica dell’attività in perdita”. Marchiori osserva anche come la cifra messa sul piatto da Saba corrisponda al canone già annunciato dal sindaco nella presentazione pubblica del piano di mobilità: “La valutazione è datata 26 luglio – dice Marchiori – e riporta la cifra di 1,55 milioni (il massimo che Saba é disposta a sborsare) già data dal sindaco durante le assemblee con la cittadinanza. Il fatto è curioso a meno che non avesse un’anticipazione della valutazione prima”. Ma le perplessità di Marchiori riguardano anche i costi di manutenzione. “A conclusione del carteggio c’è una relazione del dirigente Gianluca Puliti in cui si fa riferimento ad un sopralluogo fatto dall’ingegner Luchetti sul complesso dell’attività, incluse varie voci tra cui appunto costi dei dipendenti e della manutenzione. Anche qui però la valutazione economica si rifa ai costi sostenuti storicamente da Saba nella manutenzione. Spese ritenute da sempre contestate dal Comune al privato perché inadeguate”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X