Lo scarico dell’acqua sporca è virale,
il video fa 70mila visualizzazioni

CIVITANOVA - Il filmato, messo su Facebook da una civitanovese, piace al web. Capitaneria e assessore all'Ambiente rassicurano: non si tratta di sostanze inquinanti (GUARDA)
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Un fotogramma del video

L’acqua sporca sversata in mare (clicca sull’immagine per guardare il video)

GUARDA IL VIDEO 

Acqua sporca al porto di Civitanova, il video diventa virale, ma non c’è nessun rischio inquinamento. Ha totalizzato in pochi giorni oltre 70mila visualizzazioni il video diffuso su un gruppo Facebook dalla civitanovese Mirian Giacobbi che mostra uno scarico del porto che riversa all’interno dell’area del molo uno scarico con acqua nera particolarmente sporca tanto da formare una chiazza nel bacino portuale. Il video, rilanciato anche dal Movimento 5 stelle, ha subito scatenato l’indignazione dei cittadini e lo scetticismo sulla bandiera blu, ma in realtà sia capitaneria di porto che assessorato all’Ambiente rassicurano che non si tratta di sostanze inquinanti. In quello scarico infatti confluiscono le acque grigie raccolte dai tombini stradali e a meno di uno sversamento doloso sul quale sia guardia costiera che assessorato stanno lavorando, l’ipotesi più verosimile resta quella di un’acqua particolarmente sporca dovuta all’assenza di piogge prolungate. Il video infatti, sebbene postato recentemente, fa riferimento alla giornata di pioggia di qualche giorno fa e sia Capitaneria che l’assessore Cristiana Cecchetti hanno escluso la possibilità che acque nere e acque grigie siano confluite nello stesso scarico. In caso di reale inquinamento però sarebbe stata necessaria, più che la denuncia via social, una telefonata in Capitaneria. Questo quanto suggerisce l’assessore Cecchetti: «Se la Capitaneria o il mio ufficio fossero stati avvertiti nell’immediato avremmo potuto fare delle analisi all’acqua. Ora possiamo solo indagare e fare supposizioni. In sinergia con l’ufficio tecnico abbiamo verificato la non commistione di acque nere e acque grigie. I tecnici concordano nel dire che più di 40 giorni di mancate precipitazioni abbiano fatto accumulare nello scarico molto materiale. Quel canale raccoglie gli scarichi che passano nelle vicinanze del mercato ittico e se quei lavaggi non sono diluiti da acque piovane al primo dilavamento lo sporco confluisce nei canali di scolo. Appena avremo notizie certe le comunicheremo».

(l.b.)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X