Moschini omaggia Tolentino
e fa rivivere il Politeama

L'imprenditore diventa mecenate e finanzia personalmente la ristrutturazione. Presentato il progetto di massima per la ristrutturazione dello storico locale che diventerà centro culturale e di spettacolo
- caricamento letture

sindaco moschini politeama piceno

 

di Marco Cencioni

Dopo oltre un decennio il Politeama di Tolentino torna a risplendere di luce propria. Lo farà grazie al grandissimo cuore dell’imprenditore Franco Moschini, che ha deciso di finanziare personalmente, e senza ottenere nulla in cambio, gli onerosi lavori di ristrutturazione di quello che per tanti anni è stato punto di ritrovo, di svago e divertimento per intere generazioni.

Quello di Franco Moschini – maceratese di nascita, ma tolentinate a tutti gli effetti ormai da oltre mezzo secolo – è un immenso gesto d’amore di un uomo verso la sua città d’adozione, a cui ha già dato tantissimo con l’intuizione di portare poltrona Frau da Torino a Tolentino.

politeama5

Franco Moschini e Giuseppe Pezzanesi

L’imprenditore diventa così mecenate. “Sarò grato per tutta la vita al cavalier Moschini per aver concesso un’occasione così grande alla nostra città – afferma un visibilmente emozionato Giuseppe Pezzanesi, sindaco di Tolentino – E’ un progetto fortemente voluto, che oggi diventa realtà grazie al fondamentale regalo di un cuore davvero grande”. Per l’amministrazione comunale l’intesa raggiunta, ottenuta sollecitando l’attenzione e la sensibilità dell’imprenditore, diventa un successo enorme, poiché rappresenta il mantenimento di una delle promesse fatte in campagna elettorale. La decisione presa da Moschini non ha, come è stato più volte ribadito nella conferenza stampa di presentazione, nessuna finalità di lucro ma non è sicuramente casuale. Infatti, Nazareno Gabrielli fu il fondatore del Politeama e sua figlia Isabella, moglie di Meschini, ricoprì l’incarico di presidente. “Ho un rapporto passionale con Tolentino a cui sono molto legato – sottolinea l’imprenditore – Ho lavorato 50 anni in questa città, che mi regalato grandissime soddisfazioni. Interverrò come mecenate, senza secondi fini, per rimettere a posto i cinque piani del Politeama e dedicarlo specialmente ai giovani, i quali rappresentano il nostro futuro: in men che non si dica dobbiamo sistemarlo perché le cose, se si vuole, si possono fare ed è solo allora che il sogno diventa realtà”.

politeama1Il Politeama venne acquistato dal Comune nel 2002 per una cifra pari ad oltre 600 mila euro. Dal 2003 il Comune di Tolentino possiede il 95,45% delle quote, mentre le restanti sono detenute da Moschini. Dopo l’acquisto, il Politeama rimase chiuso per anni fino a divenire un vero e proprio magazzino per attrezzi e mezzi comunali. I tempi di recupero non stati precisati, visto che bisogna attendere il progetto definitivo e le analisi più approfondite sulla struttura fisica, ma, verosimilmente, i lavori di ristrutturazione richiederanno un anno. Non si è parlato di cifre specifiche, lasciando però intendere che occorreranno diversi milioni di euro. E’ stato infatti anticipato, durante la conferenza stampa, che l’operazione è tanto importante economicamente quanto molto al di sopra del valore commerciale “ipotetico” dell’immobile, che si aggira intorno ai 500mila euro circa. Dopo la prima fase di avviamento – in cui sarà costituita una apposita fondazione per la gestione della struttura – la governance della fondazione passerà al Comune, il quale resterà proprietario di tutto il patrimonio immobiliare, comprese le migliorie che saranno apportate durante i lavori.

politeama3Il Politeama diventerà, nella visione di Moschini e del suo staff, uno spazio dedicato a tutti i cittadini, con particolare attenzione alle esigenze delle giovani generazioni. Sarà il luogo delle attività legate all’intrattenimento e alla cultura visiva, con un riferimento specifico alle discipline dello spettacolo dal vivo. Dovrà essere aperto alla città, che possa vivere tutti i giorni. Per quanto riguarda le attività future, dopo l’approvazione del progetto di massima da parte del Consglio Comunale, sarà avviata una prima attività d’ascolto che coinvolgerà tutti portatori di interesse ed esperti. In attesa della disponibilità del nuovo Politeama – che potrebbe portare il nome del mecenate, visto che appare evidente la possibilità per Moschini di intestarlo a se stesso quale segno del suo passaggio nella città – verranno svolte attività propedeutiche coerenti con la sua missione. Il progetto di risanamento, ripristino e adeguamento tecnologico prevede la realizzazione di quattro spazi concettuali previsti nei circa 1500 metri quadrati della struttura. Uno spazio incontro e conversazione, una sorta di hall del centro che dovrebbe includere bar, emeroteca, piccola biblioteca e altri servizi; uno spazio spettacolo e formazione con platea, palcoscenico, camerini e sala per proiezioni digitali; uno spazio esposizioni e microeventi per la realizzazione di mostre relative in primis alle arti visive; uno spazio giovani ricavato nel piano seminterrato, di circa 400 metri quadrati, la cui fruizione potrà essere, all’occorrenza, autonoma grazie alla seconda entrata posta nella via sottostante.

politeama2Il progetto di ristrutturazione consiste essenzialmente nella ricerca di spazi all’interno dell’involucro volumetrico occupato oggi essenzialmente dalla platea e galleria del cinematografo e da una grande scala di accesso ai piani. Accanto alla scala principale verrà previsto un ascensore che permetterà la fruibilità di tutte le nuove superfici anche a persone diversamente abili. Dell’intervento sarà interessata anche la parte esterna dell’immobile con il restauro dei fregi e la riapertura di finestre verso via Flaminia nelle posizioni originarie, oggi chiuse, a servizio dei nuovi spazi, e nuove aperture al piano seminterrato. L’involucro volumetrico resta inalterato rimanendo tutte le operazioni all’interno dello stesso. Verranno realizzati ex novo gli impianti elettrici, sonori, di illuminazione e climatizzazione, gli interventi di adeguamento alle norme di sicurezza e di abbattimento delle barriere architettoniche.

 

Foto storica del Politeama Piceno

Foto storica del Politeama Piceno



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X