Trasferimento Mediazione Linguistica, l’associazione Run: “Tuteliamo gli studenti”

Il gruppo studentesco avanza delle proposte per facilitare lo spostamento e l'inserimento degli universitari che da Civitanova dovranno raggiungere la nuova sede a Macerata
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

Gli studenti dell'associazione Run

Gli studenti dell’associazione Run

Sulla discussa questione della chiusura della sede della facoltà di Mediazione Linguistica a Civitanova, riceviamo quanto segue dall’associazione studentesca Run – Rete Universitaria Nazionale, di Macerata:

Di fronte alle notizie di un’imminente e, a quanto pare, quasi certa chiusura della sede distaccata di Civitanova da parte dell’Università di Macerata, l’associazione studentesca Run intende avviare una seria riflessione.
E’ indubbio che la notizia arrivi come un fulmine a ciel sereno, cogliendo di sorpresa tutti noi e soprattutto quegli studenti che sull’attuale sede del Corso di Laurea in Mediazione Linguistica hanno investito risorse e progetti personali.
Ed è altrettanto chiaro come il passo indietro del soggetto privato finanziatore della struttura, faccia emergere da un lato l’incapacità di un sistema interamente basato sulla volontà di un investitore non pubblico di garantire diritto allo studio e offerta formativa per i giovani e dall’altro la precarietà del momento economico che stiamo attraversando.

Alcune questioni rilevanti vanno sollevate: perché un Ateneo che vanta di aver creato un avanzo di milioni di euro afferma di non aver fondi per il mantenimento della struttura; perché gli studenti vengono semplicemente informati a giochi fatti di questa situazione;
perché un Ateneo decide di fare investimenti e progetti (vedi le nuove aule messe a disposizione con strumenti didattici e attrezzature in arrivo, ma anche il progetto di creare alloggi e una mensa) e non sapeva nulla delle intenzioni del soggetto privato di farsi da parte; se sia possibile che da un giorno all’altro si creino situazioni di questo tipo.

Se davvero di problema economico si tratta, la chiusura non solo appare inevitabile, ma al tempo stesso diventa necessaria per evitare che si creino problematiche di bilancio capaci di danneggiare con effetto domino anche la sede centrale di Macerata.
In questo caso la Run non si schiera aprioristicamente contro la chiusura, pur con contraddizioni ed evidenti errori gestionali di cui andrà chiesto conto, ma vuole compiere il passo successivo, ossia tutelare gli studenti che dovranno trasferirsi a Macerata o che, da pendolari, avranno sicuramente maggiori spese e difficoltà di spostamento, attraverso alcune semplici e chiare proposte. Più treni sulla linea Civitanova – Macerata, con orari rispecchianti le esigenze didattiche e un numero di carrozze adeguate al carico di passeggeri;  Garantire strutture adeguate per il Corso di Laurea di Mediazione Linguistica e i suoi centinaia di iscritti per lo svolgimento delle attività didattiche, con un piano preciso e puntuale di sfruttamento degli spazi disponibili;  Agevolazioni per tutti gli studenti dell’Università di Macerata per il trasporto regionale, sia per quanto riguarda i treni, sia per quanto riguarda i pullman. Rinnovamento della linea ferroviaria Civitanova – Macerata per permettere di ripristinare i treni “diretti” ad oggi soppressi totalmente sia verso Ancona che Ascoli Piceno.

Per lavorare su questi punti fondamentali, la Run Macerata chiede a tutti i soggetti interessati (Università di Macerata, Comuni di Macerata e Civitanova Marche, Trenitalia S.p.a. e Contram S.p.a., associazioni studentesche rappresentative) l’istituzione di un tavolo di lavoro pubblico che possa dare risposte necessarie e attese da tutti gli studenti.

Garantire il diritto allo studio è la nostra priorità e farlo attraverso agevolazioni economiche, mezzi di trasporto e strutture adeguate è nostro dovere. Siamo vicini agli studenti che, delusi e preoccupati, stanno avviando mobilitazioni per fare chiarezza sul loro futuro e per chiedere sicurezza su quello che sarà il loro percorso di studi: noi non li lasceremo soli”.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X