Pdl tra fuoriusciti, rientrati e paracadutati
“Via gli inaffidabili, ci siamo ripuliti”

ELEZIONI - Ceroni al Senato "premiato" da Berlusconi. Baldelli e Abrignani: "Vogliamo vincere". Brini contro Capponi: "E' di nuovo alleato di Pettinari, deve lasciare la Provincia". Massi contro Spacca: "Sostiene sia Bersani che Monti". A Macerata la Pantana sta "facendo le scarpe" a Pistarelli
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Conferenza Pdl (4)

 

di Matteo Zallocco

Ce semo rpuliti”. Con queste tre parole il civitanovese Ottavio Brini, vice coordinatore del Pdl nelle Marche, parla dei fuoriusciti dal suo partito nel corso della presentazione dei candidati alla Camera e al Senato avvenuta oggi nella sede maceratese del Popolo delle Libertà. Quello di Brini è soprattutto un attacco all’ex presidente della Provincia Franco Capponi (tra loro non è mai corso buon sangue): “Ora che è passato con Monti ed è tornato ad essere un alleato di Pettinari cosa farà in Provincia Franco Capponi? E’ stato eletto con il Pdl e non può più stare all’opposizione, si dovrebbe dimettere”.
Il carico da novanta ce lo mette Remigio Ceroni, coordinatore regionale del Pdl: “Da questo partito sono usciti gli inaffidabili. Noi ci presentiamo con liste di tutto rispetto dove sono state valorizzate le persone che in questi 20 anni hanno lavorato per i valori nei quali crediamo”.  C’è invece massimo rispetto per gli ex pidiellini diventati Fratelli d’Italia: “Acquaroli e gli altri continuano a lavorare per il bene del centrodestra”, risponde Brini.

VOTO UTILE, NON LO DICE SOLO IL PD – “Disperdere i voti nei piccoli partiti sarebbe un’occasione sprecata”, continua Ceroni. Ricordo che il Governo Berlusconi ha fatto tanto per le Marche, dalla terza corsia autostradale alla Quadrilatero che consentirà a questa regione di uscire dall’isolamento. Nel 2009 e nel 2010 siamo stati il primo partito delle Marche e ora vogliamo confermarci”.

Conferenza Pdl (5)UNA DOMANDA A CERONI – Ci spiega cosa è successo negli ultimi giorni prima della presentazione delle liste quando annunciò le dimissioni (leggi l’articolo) per poi rientrare (leggi l’articolo)? “Ho ritenuto che un quarto posto come unico marchigiano in lista fosse mortificante per tutto il Pdl regionale. Il presidente Berlusconi ha accolto le mie richieste”.
Ceroni è ora capolista in pectore (dopo Berlusconi) al Senato, davanti a Casoli, Trenta, Bettini, Pistarelli, Ciriaci e Mochi.

PARACADUTATI – Presenti oggi a Macerata anche il capolista alla Camera Simone Baldelli (di Roma),  vice presidente del gruppo del Pdl alla Camera e Ignazio Abrignani (di Marsala), secondo in lista. “Ma loro non sono paracadutati – interviene subito Ottavio Brini – perchè a differenza di Enrico Letta (leggi l’articolo) sono stati riconfermati dopo aver già lavorato per le Marche essendo stati eletti in questa circoscrizione”.
”L’esito delle elezioni – commenta Simone Baldelli –  è tutt’altro che scontato’, il Pdl può vincere, e ‘traghettare il Paese fuori dalle secche in cui l’ha cacciato il Governo Monti, la cui lista civica è uno specchietto per le allodole che rischia di ingannare il popolo dei moderati. La libera iniziativa e le piccole e medie imprese, avevano e sempre avranno un unico difensore, Silvio Berlusconi”.
“Stiamo continuando a risalire – dice Ignazio Abrignani -, oggi anche un sondaggio non amico come quello di Sky ci dà a 5 punti dal centrosinistra”. Assente alla conferenza di oggi per altri impegni il portorecanatese Salvatore Piscitelli, parlamentare uscente, terzo in lista.

MASSI: “SPACCA SOSTIENE ANCHE MONTI”Quarto in lista alla Camera è invece il tolentinate Francesco Massi, capogruppo del Pdl in Consiglio regionale, che punzecchia il Governatore Spacca: “Con un colpo di fioretto il presidente della Regione ha fatto candidare Valentina Vezzali e Roberto Oreficini con Monti tenendo così i piedi su due staffe. Lo ha fatto perchè è in corso un duro confronto all’interno del Pd per la futura leadership della Regione. In Italia è pronto un accordo Monti-Casini con Bersani”.

Conferenza Pdl (1)PASSAGGIO DI TESTIMONE NEL PDL MACERATESE? – Incuriosisce l’assenza (probabilmente la prima negli ultimi anni) di Fabio Pistarelli alla conferenza stampa del Pdl. I ben informati sanno che il capogruppo e coordinatore comunale del Pdl di Macerata non ha affatto gradito il sesto posto in lista dopo che gli era stata assicurata la quarta posizione. “Con lui non c’è alcun problema”, assicura Ceroni che però si sbaglia e presenta Deborah Pantana come capogruppo del Pdl maceratese. L’impressione è che la Pantana stia acquisendo sempre più potere all’interno del partito, anche in vista delle elezioni comunali del 2015. “Per vedere come governa male il centrosinistra basta venire a Macerata – afferma la Pantana (settima in lista alla Camera) – dove esplode un caso ogni settimana, l’ultimo è quello della Croce Verde, una Onlus su cui il Pd ha messo le mani da tempo. C’è poi un sindaco che fa solo annunci, l’ultimo è quello sulla realizzazione della Bretella Mattei-Pieve dopo che il suo primo atto da sindaco fu lo storno dei soldi destinati a quella strada che diceva era impossibile realizzare, Ma ora siamo in campagna elettorale e il sindaco deve fare annunci di questo tipo. Macerata va liberata da questo Pd e da questo governo delle lobby che ha solo arricchito 4-5 personaggi maceratesi”.

Anche Marco Guzzini, ultimo nella lista alla Camera, parla di “Liberazione di Macerata da un centrosinistra che ha combinato un disastro dietro l’altro. Ma il centrodestra a Macerata dovrà essere più unito e presente per meritarsi la massima credibilità da parte dell’elettorato. Sono orgoglioso di essere presente in lista, credo di rappresentare la maggioranza silenziosa che fa politica senza chiedere nulla in cambio”.

Presente anche Pierfrancesco Castiglioni, segretario provinciale facente funzioni dopo le dimissioni di Mario Lattanzi, da tutti elogiato per il lavoro svolto.

(foto Cronache Maceratesi)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X