Corteo FN contro immigrazione e criminalità
Contromanifestazione di Macerata antifascista

MACERATA - Si rinnovano domani gli appuntamenti inizialmente previsti sabato scorso. La Destra allestisce in piazza Mazzini uno stand per la sicurezza
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

 

manifestazioni_sabato_13_ottobreDopo il divieto imposto dalla Questura la scorsa settimana (leggi l’articolo), Forza Nuova terrà domani il corteo contro immigrazione e violenza che tanto aveva fatto discutere dopo il duplice omicidio di Montelupone. “Sabato alle 16 – scrive il coordinatore provinciale Tommaso Golini –  militanti e simpatizzanti del movimento si ritroveranno in Corso Cairoli davanti l’ex Inail, e daranno vita ad un corteo ordinato che si snoderà fino in piazza Mazzini. Ci sarà un servizio d’ordine che garantirà la sicurezza del corteo, regolarmente autorizzato. L’intenzione è quella di manifestare contro l’inciviltà frutto dell’immigrazione, sfociata nel massacro di Montelupone e dare una risposta militante ai nostri connazionali e concittadini che ogni giorno patiscono lo stato di sfacelo in cui riversa l’ordine pubblico. E’ evidente che nessun politico, di destra e di sinistra, abbia dato risposte adeguate in merito, così come è altrettanto evidente che non c’è nessun amministratore che abbia attuato misure di sicurezza idonee. Attraverseremo una zona della città ad alto tasso di stranieri, forti del consenso di quella parte di popolazione che non ha più pazienza e che giustamente reclama proposte immediate e concrete per poter vivere tranquillamente. Invitiamo alla mobilitazione tutti i cittadini di Macerata e della provincia, per dimostrare con forza che ormai nessun italiano ha più fiducia nelle politiche sulla sicurezza di istituzioni allo sbando”.

Si terrà domani alle ore 15.30  in piazza Annessione anche la contromanifestazione  sul tema “Macerata è antifascista” (leggi l’articolo), anch’essa indetta in un primo momento per sabato scorso. “Le forze democratiche di questa città contrasteranno con fermezza anche questa iniziativa di ripiego. Ribadiamo che nessuno spazio di
agibilità può essere concesso né a Forza nuova, né a nessun altra formazione di stampo neofascista e xenofobo”.

L’elenco aggiornato delle adesioni:  ANPI; ARCI; Ambasciata dei Diritti – Marche; A.S.D. Popolare – Macerata; Associazione Culturale Licenze Poetiche; Centri Sociali delle Marche; CGIL; CGIL FIOM Cittadinanza Attiva – Civitanova; Collettivo AntiFascista – Fermo; Collettivo Libertario Macchia Nera – Macerata; CSA Sisma – Macerata; Federazione della Sinistra – Provincia di Macerata; Federazione Giovanile dei Comunisti Italiani – Macerata; Giovani Democratici – Provincia di Macerata; I Benandanti – Macerata; Istituto Storico Di Macerata; LGS; Movimento Studenti Macerata; Officina Universitaria Macerata; Partito Democratico – Macerata; PSI – Macerata; Polisportiva Antirazzista Assata Shakur – Ancona; Rete degli Studenti medi Macerata; Sciarada – Corridonia; Sinistra Critica; Sinistra Ecologia e Libertà; Società Operaia Mutuo Soccorso (SOMS) – Corridonia; Ya Basta! Marche.

***

annarombini

Anna Rombini, coordinatrice provinciale La Destra

 

Dal coordinamento provinciale de La Destra, riceviamo:

Sabato 13 ottobre, dalle  18.30 alle 20.30, in piazza Mazzini, a Macerata, sarà allestito un banchetto sulla sicurezza organizzato da La Destra con il supporto della Fiamma Tricolore, entrambi accomunati dallo stesso pensiero. “Alla luce degli ultimi avvenimenti di cronaca – spiegano Anna Rombini segretario provinciale e Cristiano Lambertucci, responsabile Gioventù Italiana  – riteniamo quanto mai necessario scendere in campo al fianco dei cittadini per metterli al corrente delle  nostre idee che non hanno nulla a che vedere con le manifestazioni.  Siamo il partito delle proposte, di quelle proposte che vogliono e devono far sentire il cittadino più tutelato. Ecco quindi che non sono le forze dell’ordine il nostro nemico, ma un sistema di leggi vecchio e dannoso che da anni invece di punire, “invita” i delinquenti, sia extracomunitari che italiani, a scegliere l’Italia. E finchè non ci sarà una sterzata, un cambiamento significativo alla radice, non riusciremo mai a invertire, nell’immaginario collettivo, la convinzione che la sicurezza sta diventando un lusso che nessuno, tra imprenditori, anziani, famiglie, può scegliersi. Domani, dunque, tutti sono invitati al nostro banchetto. Cambiare si può, basta crederci”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X