Controlli a raffica lungo la costa
In manette spacciatore tunisino

PORTO RECANATI - La polizia ha intensificato i controlli sul litorale utilizzando agenti in borghese e personale giunto da Pescara. Il 48enne arrestato risiedeva all'Hotel House
- caricamento letture

pusher1-470x470-300x300di Filippo Ciccarelli

Sembra di essere tornati indietro di quarant’anni, quando in Italia sbarcò una nuova droga dall’effetto potentissimo e capace di creare una dipendenza immediata: l’eroina. Le cronache di questi giorni sono piene di spacciatori arrestati e trovati in possesso di questa sostanza, come il 24enne di Colmurano (leggi l’articolo) finito in manette meno di un mese fa, oppure R.T., 34enne nato a Napoli e domiciliato a Montecosaro (leggi l’articolo) indagato per la morte di Massimo Cingolani. Domenica scorsa una giovanissima ragazza appignanese, di appena 17 anni, è finita in overdose da eroina e fortunatamente salvata in extremis dal personale medico dell’Ospedale di Macerata (leggi l’articolo).
Nelle ultime ore invece è stato arrestato G.C.B.H., 48enne tunisino, conosciuto per smerciare stupefacenti a Porto Recanati, nella zona dell’Hotel House, e in diversi locali notturni. La polizia, che sta monitorando con intensità il litorale maceratese anche con l’impiego di agenti in borghese e con il personale della Prevenzione Crimine di Pescara, ha messo sotto controllo il tunisino e lo ha pedinato per coglierlo in flagrante. I suoi spostamenti, costantemente monitorati, hanno condotto gli agenti in via Salvo D’Acquisto, dove lo spacciatore è stato raggiunto da un giovane. I due si sono appartati in una strada privata e hanno concluso la compravendita dello stupefacente, proprio sotto gli occhi delle forze dell’ordine. A quel punto, visto che il giovane si dirigeva verso la Statale Adriatica e il tunisino ritornava all’Hotel House, gli agenti hanno deciso di intervenire: addosso allo spacciatore sono stati trovati i soldi appena incassati per la vendita della droga e tre bustine di eroina, mentre il cliente è stato identificato. Si tratta di F.S., tossicodipendente noto in città, che ha riconosciuto lo spacciatore tunisino e ha ammesso che lo stesso ha provveduto a rifornirlo di eroina almeno due o tre volte al giorno negli ultimi dieci giorni. Il pusher è stato quindi arrestato e si trova ora in carcere a Montacuto.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X