Rischio di infiltrazioni mafiose nelle Marche
L’appello della Lam: “Massima attenzione”

L'intervento del movimento politico di Luigi Gentilucci: "Meglio un eccesso di zelo che una sottovalutazione del problema"
- caricamento letture

 

Gentilucci-Luigi

Luigi Gentilucci, leader della Lam

Dopo Enzo Marangoni che ha chiesto una commissione d’inchiesta  sulle infiltrazioni mafiose nelle Marche (leggi l’articolo), interviene sul tema anche la Lega Autonomie Municipali riceviamo:

«Abbiamo letto nei giorni scorsi sul giornale on line Cronache Maceratesi l’inchiesta concernente il nuovo Centro Commerciale di Corridonia (leggi l’articolo), che ha affrontato la vicenda non solo sotto il profilo della mancata programmazione provinciale e intercomunale (che ha fatto sì che nella vallata del Chienti, in qualche decina di chilometri, siano sorti ben sette strutture commerciali grandi e medie), ma anche in relazione al rischio di infiltrazioni della criminalità organizzata e di conseguente riciclaggio di consistenti importi di denaro frutto di attività illecite.

In ordine a questo ultimo profilo, sia pure nel rispetto del garantismo e della più assoluta presunzione di innocenza, ci sentiamo di dire che quando c’è anche solo il rischio, l’eventualità, di infiltrazioni del genere, l’attenzione delle pubbliche autorità, così come delle forze di polizia, deve essere, se possibile, ancora più rigorosa e scrupolosa e peccare, semmai, di eccesso di zelo e non di sottovalutazione del problema. Occorrono, quindi, indagini attente ed approfondite da parte delle forze dell’ordine e della magistratura, che nell’interesse della collettività non consentano di frapporre agli accertamenti, scudi fiscali o altri escamotage del genere. Ci auguriamo, ovviamente, che tali indagini possano escludere ogni e qualsiasi rischio di infiltrazioni, ma riteniamo che esse siano urgenti e indifferibili.

Ricordiamo che analoghe sottovalutazioni da parte delle autorità istituzionali e giudiziarie in altre regioni del centro e del nord Italia hanno lì consentito pesantissime ramificazioni dell’imprenditoria mafiosa, oramai difficilissima da debellare».

***

GLI ARTICOLI PRECEDENTI:

–  “Solo illazioni velenose su Alfio Caccamo” (leggi l’articolo)

–  CorridoMnia Shopping Park, chi è veramente Alfio Caccamo? (leggi l’articolo)

La difesa di Alfio Caccamo (leggi l’articolo)

Il caso Caccamo, dove sono le istituzioni? (leggi l’articolo)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X