Una nuova generazione
si affaccia in Consiglio comunale

Diversi volti giovani sia in caso di vittoria di Carancini che di Pistarelli
- caricamento letture

consiglieri

di Beatrice Cammertoni

Le Comunali del 2010 porteranno tra i banchi della maggioranza e dell’opposizione in Consiglio alcuni promettenti nuovi volti della politica locale. Anche se alla mancata riconferma di protagonisti storici del foro maceratese, Munafò, Maulo e Antolini in primis, non è corrisposta la riscossa giovanile che molti auspicavano, entreranno a prescindere dal risultato del ballottaggio Fabio Massimo Conti (Lista Conti), Francesca D’Alessandro (Macerata è nel cuore), Marco Guzzini  e Francesco Formentini (Pdl), arriveranno invece in caso di vittoria di Pistarelli Marco Bernabei (Lista Conti), Fabrizio Nascimbeni (Macerata è nel cuore),  Raffaele Belogi (Pdl).  Mentre se il testa a testa dell’11 e 12 aprile premierà Carancini, scatterà la nomina per Gabriella Ciarlantini (Verdi), Antoni Carlini (Pensare Macerata), e molto probabilmente per Stefano Casulli (Sinistra per Macerata). Il tutto è comunque ancora ufficioso visto che il tribunale sta riesaminando i verbali.

Tra i giovani consiglieri uscenti riconfermati c’è solo Andrea Netti (Pd) che ha ottenuto 156 preferenze. Nel centrodestra non si è ricandidato Pierfrancesco Tassso, non rientrano Andrea Beccacece (Udc) e Ruben Leporoni che dopo l’esperienza con Rifondazione si è candidato con Pensare Macerata.

Sorprendenti i risultati ottenuti da Guzzini e Belogi, rispettivamente a 140 e 104 preferenze: alla prima esperienza nella competizione elettorale per il comune, ma con un trascorso di grande attivismo politico, hanno superato agilmente non solo due affermati “giovani meno giovani” come De Simone e Gennaro, ma anche Antolini e Iommi, consiglieri uscenti e volti più che noti della politica locale. Raffaele Belogi, 24 anni, entrerebbe di diritto in Consiglio in caso di vittoria di Pistarelli al ballottaggio, è il nono più votato in lista, ma all’opposizione vanno i primi 8 più il candidato sindaco sconfitto. “Per un giovane è più difficile far capire agli elettori che l’inesperienza può essere compensata con la passione. C’è voglia di cambiamento a Macerata, lo dimostra la lunga lista di giovani schierati trasversalmente. In molti casi i giovani sono stati premiati con più preferenze rispetto a quelle ottenute dalla vecchia classe dirigente. Macerata ha chiaramente bisogno di rinnovarsi. Il centro-sinistra ha perso molto dal 60% del 2005, la città vuole cambiare e noi abbiamo cercato di ascoltare per capire cosa va fatto. Se dovessi entrare in Consiglio continuerei a mantenere questo filo diretto con la gente.”

foto-marco

Marco Guzzini, 23 anni, già tra i consiglieri certi, ha chiara la linea da mantenere per i prossimi 5 anni: “Non dovremo mai farci trovare impreparati: va bene l’impegno, ma non possiamo trascurare nessuna questione e nessuna conoscenza tecnica. Vogliamo e dobbiamo essere prontissimi. Questa campagna, che a visto me e Raffaele sempre fianco a fianco e mai contrapposti, ci ha premiato e ci ha arricchito grazie a molte nuove conoscenze”. Con gli altri giovani in consiglio: “Bisognerà lavorare insieme, a Macerata va abbandonata la distanza ideologica per ottimizzare i risultati nella pratica. Dovremmo essere un punto di riferimento per i nostri coetanei ma anche per i più grandi”.

Sono 199 le preferenze ricevute da Fabio Massimo Conti, 30 anni: candidato di punta della lista Conti – Macerata Vince è già membro del Consiglio indipendentemente dall’esito del ballottaggio. Lo spoglio di lunedì lo elegge infatti giovane più votato ma anche uno dei nomi più barrati accanto a volti noti come Bianchini, la Pantana, Sacchi e Tacconi. L’obiettivo dei prossimi giorni è sostenere Pistarelli. “Saranno giorni impegnativi perché si apre una campagna diversa.

fabio-massimo-conti

Dobbiamo convincere due categorie di persone, quelli che hanno votato le liste civiche, esprimendo in ogni caso un rifiuto all’amministrazione uscente ed alla nuova che sulla sua scia si ripropone e quelli che si sono astenuti per protesta. L’invito a questi ultimi è quello di concretizzare il loro dissenso alla sinistra votando per noi. Meschini per noi è una storia chiusa e Carancini era il capogruppo in Consiglio del partito di maggioranza nella coalizione. A Macerata l’astensionismo è ridotto rispetto alla media nazionale, lo dimostra anche il gran numero di liste, c’è un grande interesse alla vita politica e questo va difeso da chi poi riceve il voto degli elettori”.  La vittoria di Pistarelli, “che può arrivare, come fu per Alemanno a Roma, ad una vittoria storica per Macerata nonostante lo svantaggio”, è auspicata anche per ottenere un secondo consigliere, Marco Bernabei. “Ex-Presidente di circoscrizione a Piediripa, presente nel territorio, ha ottenuto un numero record di preferenze a Piediripa. “Abbiamo ottenuto insieme ben più di 300 preferenze: proveniamo entrambi da Azione Giovani e l’impegno che il gruppo ha dimostrato è stato premiato. Questo successo non potrà essere ignorato da qualunque vincitore.”

Ottimo anche il risultato ottenuto da Stefano Casulli, 23 anni, Sinistra per Macerata. Lui, Marco Donati, Andrea Coppari e Alice Mongiello sono state le punte della lista per l’intera campagna elettorale. Giovanissimi, coinvolti nel progetto attivo ormai da più di un anno “Laboratorio Giovani a Sinistra”, si sono rivolti ai più giovani sostenitori della lista guidata da Pierpaolo Tartabini. Ci spiega Casulli: “Siamo andati nelle scuole, abbiamo organizzato concerti e coinvolto nelle nostre iniziative i più giovani. Abbiamo ottenuto insieme più di 200 preferenze, un risultato ottimo.

casulli

La nostra campagna ci ha visto in prima linea verso una fascia d’età che spesso viene trascurata, abbiamo scelto di comparire insieme anche nei manifesti, ci siamo mossi anche su Facebook creando dei gruppi e caricando i nostri video. Per i prossimi 15 giorni cercheremo di continuare su questa linea.” Casulli entrerà in Consiglio se Carancini uscirà vincitore dal ballottaggio e se al capolista Tartabini verrà, come sempre più dato per certo, affidato un assessorato. “Le mie priorità saranno mantenere l’acqua come bene pubblico in comune, coinvolgere gruppi e associazioni nei quartieri reinventando lo spazio del centro storico con iniziative per la primavera-estate, aprire una sala prova a disposizione dei gruppi cittadini. Il mio ruolo sarà anche quello di creare degli spazi di partecipazione dal basso in modo da avviare un filo diretto tra cittadini e Consiglio, proprio come ha fatto la Menghi, ma in campagna elettorale. Gli altri giovani eletti? Ci sarà sicuramente dialogo, il futuro della politica è sulle spalle dei volti nuovi, ma trovo il modo di far politica di Guzzini e dei giovani del Pdl ancora troppo vicino ad una mentalità vecchia e superata. Non li vedo come rappresentanti dei nostri coetanei.”

Ciarlantini

Con Carancini Sindaco entrerà in Consiglio anche Gabriella Ciarlantini, 38 anni, candidata più votata nella lista dei Verdi, lista giovane che ha saputo fare di ciò un punto di forza in campagna elettorale. L’età media del gruppo guidato da Fabrizio Tropeano era la più bassa, 33 anni: “Il progetto è nato a luglio ed ha inglobato le realtà dei movimenti: chi fa parte dei soggetti politici confluiti nei Verdi è in genere molto giovane ed è per questo che abbiamo proposto questi candidati. Per i prossimi 15 giorni continueremo nei temi e con le personalità che ci hanno portato all’appuntamento di domenica e lunedì: guardiamo ad una politica per il futuro, con obiettivi pensati con e per i giovani. L’età media così bassa resta per noi un punto di forza ed il risultato è stato comunque ottimo.”

Nel montaggio in alto: da sinistra, Fabio Massimo Conti, Marco Guzzini, Gabriella Ciarlantini, Raffaele Belogi e Stefano Casulli.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X