Ragazza violentata durante una festa,
prof e muratore in manette

PORTO RECANATI - Una donna di 35 anni sarebbe stata costretta a subire la violenza da tre persone (una in corso di identificazione). Le indagini sono delle Squadre mobili di Ancona e Macerata. In cella un 44enne e un 52enne che vivono nella città costiera

- caricamento letture

violenza-sessuale-1-650x391

 

di Gianluca Ginella

Vanno ad una festa con una ragazza, poi la violentano: arrestati un professore e un muratore, ricercata una terza persona. I fatti sono avvenuti a Porto Recanati, dove vivono i due arrestati (entrambi in carcere a Montacuto).

Le indagini sono state condotte dalla Squadra mobile di Macerata insieme ai colleghi di Ancona. I fatti risalgono allo scorso aprile.

Secondo la ricostruzione fatta dagli inquirenti, un 44enne napoletano, insegnante in una scuola, e un 52enne piemontese, muratore, entrambi residenti a Porto Recanati, il 24 aprile dello scorso anno sono andati ad una festa in compagnia di una 35enne. Ad un certo punto è finito il vino e i due uomini, insieme ad una terza persona e alla ragazza sono andati a casa del docente a prendere da bere.

matteo-luconi

Il capo della Mobile di Macerata, Matteo Luconi

Lì però i due uomini avrebbero approfittato della situazione per costringere la donna a subire una violenza sessuale. Secondo gli inquirenti, che sono stati coordinati dal pm Rosanna Buccini della procura di Macerata, il muratore e l’altro uomo, che è da identificare, avrebbero tenuto ferma la ragazza mentre il professore l’avrebbe costretta a subire una violenza sessuale. La donna ha poi raccontato l’accaduto ad un amico, sotto choc, e ha raggiunto l’ospedale di Torrette. Dopo le prime cure, è stata trasferita al Salesi. Lì ha seguito tutte le procedure legate alle potenziali vittime di abusi sessuali. I medici hanno accertato sul corpo della donna di ecchimosi e di segni di violenza. Ma anche la sua testimonianza: avrebbe conosciuto il nome, infatti, di uno dei tre uomini.

Polizia-Squadra_Mobile-Carlo_Pinto-DSC_0124--650x433

Carlo Pinto

Poi sono scattate le indagini delle squadre mobili di Macerata, diretta dal commissario capo Matteo Luconi, e di Ancona, comandata da Carlo Pinto. Raccolti gli elementi di prova necessari la procura ha chiesto una misura cautelare al gip del tribunale di Macerata, Claudio Bonifazi.

Il giudice ha disposto per entrambi il carcere. Ieri pomeriggio il 44enne e il 52enne sono stati arrestati per violenza sessuale di gruppo. Domani si svolgeranno gli interrogatori di garanzia. Il prof è difeso dagli avvocati Giuseppe Lupi e Luca Froldi, il 52enne è assistito dal legale Maurizio Ballarini.

 

* I nomi degli indagati e dettagli ulteriori non vengono inseriti per non rendere identificabile la vittima

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
Podcast
Vedi tutti gli eventi

Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy