Scambio Unimc-Florida:
mobilità fra studenti
e collaborazioni di ricerca

MACERATA - Debora Sagripanti e Camilla Felici stanno frequentando i corsi negli Usa alla Gulf Coast University. A gennaio arriverà uno studente americano. Accordo su inclusione, silver economy, valorizzazione del patrimonio culturale e sicurezza alla luce della sfida digitale
- caricamento letture
Foto-di-gruppo-UniMc-FGCU

Foto di gruppo Unimc e Florida Gulf coast University

Nuove prospettive di collaborazione nei campi della mobilità e della ricerca tra l’Università di Macerata e la Florida Gulf Coast University. In questi giorni due studentesse dell’ateneo maceratese Debora Sagripanti del dipartimento di Giurisprudenza e Camilla Felici del dipartimento di Scienze Politiche hanno iniziato la loro esperienza di mobilità nell’ateneo statunitense e, a fine gennaio, arriverà nelle Marche uno studente americano, Samuel Mayer, che ha scelto quattro tra i tanti corsi in lingua inglese offerti dall’Università maceratese.

FrancescaSpigarelli-Debora-Sagripanti-CamillaFelici

Nella foto da sinistra Francesca Spigarellli, Debora Sagripanti e Camilla Felici

La referente dell’accordo, Francesca Spigarelli, delegata del rettore alla ricerca, ha incontrato a Fort Myers il referente americano Mark Rieger e il responsabile del Global Engagement Office Michael McDonald. Si sono discusse le opportunità di ampliamento della collaborazione anche alla luce della vocazione dell’ “umanesimo che innova” nella sua dimensione digitale. Particolarmente apprezzate sono state le opportunità di potenziamento dei flussi di studenti e di possibili progettualità di ricerca teorica e applicata comuni. I temi di maggiore interesse riguardano proprio il contributo innovativo, nella logica della sostenibilità e dell’inclusione, che le scienze umane e sociali possono dare alle sfide globali, tra cui quella della digitalizzazione. Molti i temi affrontati, come oggetto di collaborazione, dall’inclusione e cura delle persone con fragilità, alla silver economy, alla valorizzazione del patrimonio culturale in senso lato, alla sicurezza delle società e delle comunità, alla sicurezza alimentare. E’ stato anche discusso il modello innovativo di trasferimento tecnologico e di co-creazione con le imprese, particolarmente quelle legate a cultura, creatività e innovazione sociale.

«E’ un accordo di importanza strategica per l’Ateneo, che consente ai nostri studenti di accedere a percorsi altamente qualificanti» sottolinea Benedetta Giovanola, delegata del rettore ai rapporti internazionali. Camilla e Debora frequenteranno quattro corsi del prestigioso ateneo. «Poter frequentare un intero semestre alla Florida Gulf Coast University – afferma Debora Sagripanti – è un’occasione irripetibile. Studiare legge negli Stati Uniti non è soltanto un’esperienza personale altamente formativa, ma un’opportunità che può accrescere le mie competenze accademiche e la mia consapevolezza a livello lavorativo. L’approccio allo studio del diritto in America è differente da quello italiano, molto pratico e mi permetterà di acquisire un altro punto vista rispetto all’ambito di mia specializzazione». «Essere qui negli Usa– afferma Camilla Felici – è un’esperienza unica per arricchire il mio bagaglio professionale e accademico. Potrò vivere a pieno la cultura americana, interagire con studenti di tutto il mondo e adottare un approccio allo studio nuovo e integrativo nel campo delle relazioni internazionali».

Un-momento-incontro-con-i-referenti-del-FGCU



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X