Cade con la bici e denuncia:
«Ho dovuto aspettare ore a Macerata,
il pronto soccorso di Camerino non riceve»

IL RACCONTO di Alessandro Azzolini, 35enne di Pieve Torina, che ieri ha riportato una frattura cadendo a Valfornace. Non è stato portato nella città ducale per la carenza di personale a Ortopedia
- caricamento letture
ospedale-camerino-5-650x488

L’ospedale di Camerino

 

di Monia Orazi

Cade con la bici a Valfornace e lo portano in ospedale a Macerata, dove è costretto ad aspettare ore per una radiografia. La denuncia sui social viene da un 35enne di Pieve Torina, Alessandro Azzolini, giovane architetto appassionato di mountain bike che ieri si è fatto male mentre percorreva in bici i sentieri intorno al lago di Boccafornace, nel territorio del comune di Valfornace. Azzolini ha affidato ai social una riflessione, nel tardo pomeriggio di ieri, sulla situazione del pronto soccorso di Macerata: «Dopo una caduta in mountain bike alle 13,30 a Valfornace, sono arrivato in ospedale a Macerata alle 17 circa. Il pronto soccorso è allo stremo, oltre sessanta pazienti, letteralmente abbancati tra stanze e corridoi, e solo due infermieri. Il pronto soccorso di Camerino non riceve perché le disposizioni sono quelle di portare i pazienti a Macerata senza neppure una diagnosi preventiva. Sono in attesa di una radiografia da oltre tre ore, ma come me molti altri. Ciò non vuol essere una sterile polemica, ma una presa di coscienza anche per chi non è al dentro, di come stanno uccidendo il territorio». In realtà il problema a Camerino riguarda il fatto che nel reparto di ortopedia resta in servizio un solo medico e per i casi più complessi, il 118 decide di portare i pazienti a Macerata o Civitanova. Il giovane cadendo ha riportato una frattura e probabilmente sarà operato. In tutte le strutture Asur inoltre è scattato il piano ferie, che ogni anno tradizionalmente comporta una revisione dei servizi sanitari nei mesi estivi. Il post di Azzolini ha suscitato tantissimi commenti sui social. Già lo scorso gennaio, ad opera del sindaco di Camerino Sandro Sborgia era stato lanciato l’allarme che ad ortopedia restava un solo medico e che il reparto, noto come eccellenza dell’ospedale di Camerino che attirava anche persone da fuori per farsi operare, rischiava la chiusura. L’Asur Marche ha bandito un concorso regionale per individuare ortopedici per l’area vasta 1, l’Area Vasta 3 di Macerata in cui servirebbero ben cinque ortopedici avrebbe dovuto attingere da quella graduatoria, era stata individuata una specializzanda in ortopedia da assumere nei mesi scorsi, ma è evidente che la cosa non è andata a buon fine ed attualmente a coprire il servizio del reparto di ortopedia rimane un solo medico.

 

Si ferisce intorno al lago, scattano i soccorsi



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X