Per la nuova scuola Betti
manca solo l’ok definitivo

CAMERINO - Approvato il progetto esecutivo, al momento sono in corso le verifiche. L'assessore Marco Fanelli: «Ci è stato detto che si svolgono in due fasi, sappiamo al momento che tramite Invitalia sono state richieste delle integrazioni»
- caricamento letture

 

scuola-betti-nefer

Il rendering della scuola nel sito della Nefer

 

di Monia Orazi

Ultime verifiche per la scuola Betti di Camerino, prima dell’avvio dei lavori per la costruzione del nuovo edificio scolastico a Madonna delle Carceri, molto atteso dalla comunità locale. La gara d’appalto per l’affidamento dei lavori è stata effettuata un anno fa da Invitalia, per conto della struttura del commissario straordinario alla ricostruzione Giovanni Legnini.

Ad aggiudicarsi l’appalto è stata un’associazione temporanea di imprese guidata dal Consorzio edili veneti con sede a Piove di Sacco (Padova), insieme alla Sistem costruzioni di Modena, alla Cat impianti di Jesi, alla Nefer di Pieve Torina, alla Mci di Perugia. L’importo complessivo dei lavori è di 5 milioni e 516 mila euro, con un ribasso del 18,6 percento sull’importo totale del lotto dei lavori, pari a 6 milioni e 947 mila euro.

Marco-Fanelli

Marco Fanelli

Lo scorso 16 ottobre è stato approvato il progetto esecutivo della scuola e in questi giorni sono in corso delle verifiche preventive della progettazione, che devono essere svolte, secondo il codice degli appalti, prima della partenza dei lavori. «Il progetto esecutivo approvato è stato integrato con delle prescrizioni – spiega l’assessore ai lavori pubblici Marco Fanelli – dalle notizie avute dalla struttura commissariale, contattata dal sindaco Sandro Sborgia, è in corso ai sensi dell’articolo 26 del codice degli appalti la verifica degli elaborati progettuali. Ci è stato detto che si svolge in due fasi, sappiamo al momento che tramite Invitalia sono in corso queste procedure di verifica e sono state richieste delle integrazioni ai progettisti». Al momento non si conosce la tempistica precisa per l’avvio dei lavori, ma ormai non dovrebbe mancare molto.

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X