Giuliana e Tommaso,
50 anni di matrimonio
e una poesia

LA DEDICA dei nipoti per il traguardo raggiunto
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
TOMMASO_SGOLASTRA_GIULIANA_DOMIZIOLI2-325x261

Giuliana Domizioli e Tommaso Sgolastra

Il 26 settembre 1970 convolarono a nozze Tommaso Sgolastra e Giuliana Domizioli di Macerata, da quel sabato sono trascorsi 50 anni esatti e oggi i figli e i nipoti vogliono condividere il loro traguardo. «Un esempio per figli e nipoti. La loro forza sta sicuramente nel sorriso e nella tenacia di affrontare la vita con ironia e diciamolo anche nella virtù di sopportare i vizi.
Tommaso ha sicuramente controllato il calendario della serie A per fissare il giorno della festa, e Giuliana che ha sempre scritto poesie in vernacolo per ogni occasione riceverà qualche verso dedicato al cinquantesimo anniversario?
Nel dubbio vogliamo condividere con voi una sua poesia, che ci ricorda che la vita può essere come salire su un’altalena, fatta di salite e di discese, qualcuno che ci sostiene e che ci guida, alla fine avremo le cicatrici di quel che abbiamo vissuto, ma comunque ne sarà valsa la pena.Vi vogliamo bene». Il messaggio è firmato da Francesco, Laura, Jacopo, Elena, Thomas, Agnese, Pamela e Gionatan.

TOMMASO_SGOLASTRA_GIULIANA_DOMIZIOLI

Giuliana e Tommaso nel giorno del loro matrimonio

La viciangola (l’altalena)

La domenneca, vabbu la viciangola legava
Su un urmu grossu che statìa sull’ara
Co’ lù canipu che le vacche ce ‘ttaccava
E tra fratelli cu mingiamo a fà cagnara

Tu, mondi su dopo dè me
No, mondo prima io ‘ppo dopo tu
Vabbu ce dicìa: volete vedé
Se scagnarete non ce monda gnisciù

Dopo tando, tando discorre
A la fine l’accordu se facìa
Pè no sprecà tutte quell’ore
Uno mondava l’addru spignìa

Dopo un bò ce cumingiava accaccà
Su lù canipu mittiamo nà cappottella
Jamo in ardo, ce parìa de volà
Adera ‘na jornata probbio vella

Ce dicìa mammà: comboste ve sé vede le mutanne
Sete femme nette quesso non va vè
Spettate a cresce a dovendà granne
Allora capiscerete lù perché

Nuandri non ciamo la malizia
Su la faccia cé ‘ccarezzava lù vendu
Angò non cunusciamo la mistizia
E lu core nostro adera condendu

Sgrulla che tè sgrulla adè quasci notte
Mamma cé chjama, adè ora dé cena
Daciamo retta, sinnò ci stà le ‘bbotte
Dè lassà perde quella adè la pena

Purtimo dentro casa la cappottella
Cò le sottane cciacate cò tutte quande pieghe
Adè stata nà domenneca probbio vella
Ma cò le chiappe rosce, pijne dè renzeghe.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X