Carpì le varbabietole

LA DOMENICA con Mario Monachesi
- caricamento letture
mario_monachesi

Mario Monachesi

Anche “caccià’ le varbabietole”, quelle da zucchero, naturalmente, “che un tempu, assème a lo gra’, lo granturco e a quarghe atra raccorda, facia guadagnà’ l’annata a le fameje de li contadì. Carpì’ le varbabietole (anche varvavietole), adera una dell’urdeme grosse fadighe dell’istate, dopo de esse, rmania lo rcoje lo granturco e lo velegnà (vendemmiare).

Li somenti se facia ogn’annu più o mino a marzu e ‘vvinia su lu campu do’ l’annu prima, dopo aellu stabbiatu e laoratu, c’era stato lo gra’. Le prime orde, parlimo de quanno ‘sta curtura ‘rriò in Italia, su la fine dell’800, se facia a ma’, più avanti co’ le somentatrici tirate da le vacche. ‘Na orda miste a locu e fatte vinì’ su mmoccó (crescere un po’), tra la fine de aprile e li primi de magghju, ‘vvinia la prima zappata. Sirvìa pe’ sderadille, cioè scarpije quarghe piantina de troppo che ‘ccanto no’ gne facia pijà’ viguria (forza). Più avanti se zappava ‘n’antre par de orde, sirvia pe’ leaje tutte l’erbacce che je criscia ‘tunno (attorno).

La raccorda avvinia tra la fine d’agustu e li primi de settembre, cumunque non prima dell’ordine de lu fattò’. Questo pe’ non fa’ ‘ntasà’ li zuccherifici e quindi pe’ non fa’ perde, a esse, de qualità perché ‘scarcate troppo presto su li piazzali ‘ssolati o sotto che piogghja.. Era mejo lascialle su li campi, che consegnalle troppo presto.

Li zucchirifici che sirvia lu tirritoriu maceratese adèra tre: Montecò’ scalo (Montecosaro scalo), apertu nel 1954 e chjusu nel 1971; Fermo, apertu nel 1967e chjusu nel 2006; Jesi, apertu nel 1936 e chjusu nel 2008.

‘Rriatu l’ordine de carpì’, su lu campu l’ommini se mittia davanti co’ li furcù’ (anche rampì’) a zappa (tre rebbi, uncini, a punte ricurve), o a vanga, pe’ scarzalle (dissotterrarle) mejo, derèto le donne co’ le fargette, le tirava su ‘nfirzennole (infilzandole), po’ le rpulia tajènnoje le vrange (scollettatura) e leènnoje (togliendogli), se c’era, la tera. Li vardasci, derèto ancora, ce facia tutti mucchjtti. Prima de sera, L’ommini co’ li virocci le carcava e le ‘mmontonava su lu jemete (limite) de la strada, lu postu piu commidu pe’ èsse carcate, sempre a ma’, su lu camiu. Che orda, pe’ ‘ccontentà’ a tutti, da un contadì ‘ ce vinia lasciatu lu rimorchju e da ‘n’antru la mutrice (camion).

Pe’ tutta l’aria de la zona se spannia, indanto, una forte ‘dore (odore) dorgiastra”. Nei ricordi anche questo diventa poesia. Chi ha vissuto questo tempo, anche se la fatica era tanta, non può non godere teneramente di questo profumo.

Girava una frase scherzosa tra innamorati: “Si più dorge de un campu de varbabietole”.

“Le foje e li scarti de lo rpulille, rmania per tera, se facia seccà’ e po’ se mittia da parte per l’inguernata quanno pe’ le vestie scarsegghjava lo fiè’. Atri no’ le rcujia per gnente, le lasciava per tera pe ‘ngrassà’ lu terenu, come stabbio (letame), quanno lu laorava (arava).

Quanno lu camiu arvinia arèto da li zucchirifici, se rportava quasci sempre la porpa (polpa) de le varbabietole, adera fresca ma se ttroava anche secca. La fresca se dacia subbeto a magnà’ a le vestie, la secca se tinia per l’inguerno, quanno sirvia prima visognava mettela a bagnu po’ se dacia a tori e vacche”.

La barbabietola da zucchero, conosciuta come “Beta vulgaris”, appartiene alla famiglia delle “Chenopodiaceae” e ha forma conica. I suoi primi riferimenti risalgono al 420 a.C.

La sua coltivazione come pianta da orto è quindi antichissima, praticata anche da Greci e Romani. Come pianta saccarifera, invece, viene scoperta nel Settecento. Correva l’anno 1747 quando il dottor Andreas Sigismund Margraff (Berlino 1709 – Berlino 1782), specializzato in chimica, scoprì che dal suo succo era possibile ricavare cristalli zuccherini, paragonabili a quelli della più nota canna da zucchero. Fu però grazie alle guerre napoleoniche, che bloccando di fatto l’importazione dello zucchero di canna, permise alla barbabietola di farsi strada. Fu poi lo scienziato tedesco Franz Karl Achard (Berlino 1753 – Winsko 1821) a dare il primo impulso all’industria della produzione dello zucchero estratto dalla “Beta vulgaris”.

La barbabietola (o “varbavietola” nel terzo modo di chiamarla), oltre che di un’alta concentrazione di saccarosio, è ricca di antiossidanti, vitamine e minerali utili all’organismo umano.

“Sempre ‘na orda, c’era chj co’ le varbabietole ce facia la mustarda. Rlàate vè’, vinia miste a vujì’ (bollire) a lungo, po’ ce vinia ‘gghjunti aromi. Lu compostu uttinutu e firtratu, vinia mistu dentro un sacchittu de tela e strizzatu forte, quello che rmania era la mustarda. Come se gnacciàa, se mittia a conservà’ dentro ricipienti de teracotta.

Li prim’anni le varbabietole rinnia (rendevano) vè’, li contadì’ era contenti, ce fadigava e vidia lu guadagnu. Co’ lu progressu ‘rriò’ anche le machine pe’ judalli, lu caricatore e quella pe’ carpille, ma manammano lu ricavatu è jito sempre a calà’, fino a che non l’ha miste più gnisciù. Ogghj pare che lu settore ‘n po’ ha rpijato. Starimo a vedé.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =