“La scuola che verrà”
Incontro con Anna Ascani
organizzato dalla Cna

L'APPUNTAMENTO con la viceministro all'Istruzione in collegamento streaming è per domani a partire dalle 18,30. Ecco come partecipare
- caricamento letture
anna-ascani

Il viceministro Anna Ascani

 

“La scuola che verrà”, incontro di Cna Macerata con la viceministro Anna Ascani. L’appuntamento è per domani e interesserà molte categorie e diversi aspetti delicati delle questioni legate al mondo scolastico e dell’infanzia. Ci si potrà collegare sulla piattaforma Zoom (Meeting ID: 884 2589 9743) a partire dalle 18,30. «L’anno scolastico più complesso dal dopoguerra si è appena concluso – commenta il direttore di Cna Macerata Luciano Ramadori – i molti passi avanti fatti si confondono con le incertezze del prossimo futuro. Tanti gli interrogativi che restano ancora da chiarire nel Piano di riapertura delle scuole e nel Decreto scuola approvato venerdì scorso in Parlamento. Come asociazione di categoria siamo preoccupati per le difficoltà di applicazione dei Protocolli di sicurezza previsti per i centri estivi e i centri per l’infanzia, che stanno dissuadendo molti operatori nel proporli a famiglie ed amministrazioni locali. Ne avremo poco più della metà rispetto all’anno scorso, con tutte le ripercussioni nell’organizzazione del lavoro familiare che ciò comporta e sulla perdita di occupazione, non solo stagionale, che provocherà». La Cna si concentra quindi sulla situazione nella nostra provincia. «Una provincia, quella di Macerata – spiega – con un’alta concentrazione di scuole secondarie, ben 103 istituti tra primo e secondo grado; un quarto del totale regionale a fronte di una popolazione provinciale di appena il 20%. Quindi, in teoria, un po’ di spazio in più ci dovrebbe essere ma, in pratica, tutto dipende dalla disponibilità di spazi ampi all’interno dei singoli edifici. Per una volta, chi sembra non aver di questi problemi sono le scuole della nostra spopolata montagna, dove abbiamo pluriclassi con il problema opposto e, più in generale, dove il ridotto numero di studenti risolve il problema “a monte” e risparmia il difficile enigma di geometria applicata agli amministratori locali».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X