Sicurezza al pronto soccorso:
arrivano le telecamere
e la sorveglianza privata

CIVITANOVA - Nuovi provvedimenti scaturiti da una riunione con le forze dell'ordine e presi alla luce di recenti episodi di violenza a carico di operatori in servizio. Monitorati dalla videosorveglianza anche i parcheggi
- caricamento letture

 

nuovo-pronto-soccorso-ospedale-civitanova-6-450x300

Il pronto soccorso di Civitanova

 

Telecamere al pronto soccorso dell’ospedale di Civitanova e nei parcheggi, presenza di una sorveglianza armata privata. Questi alcuni dei provvedimenti presi per aumentare la sicurezza alla luce di recenti episodi di violenza a carico di operatori in servizio (leggi l’articolo). La decisione è scaturita dopo una riunione datata 19 settembre, i cui risultati sono stati resi noti solo oggi, alla quale hanno partecipato oltre al direttore dell’Area vasta 3 Alessandro Maccioni, il sindaco Fabrizio Ciarapica, il comandante della Compagnia carabinieri di Civitanova, maggiore Enzo Marinelli, il dirigente del commissariato di Polizia di Civitanova, vice questore Ciro De Luca, il comandante della polizia locale Sirio Vignoni e il direttore medico ospedaliero Massimo Palazzo. All’incontro hanno anche partecipato il direttore del pronto soccorso Giorgio Turri, il direttore della Psichiatria, Stefano Nassini, la dirigente delle professioni sanitarie, Mara Buccolini, e la dirigente della Dmo Nadia Mosca.

baby-pit-stop-ospedale-ciarapica-palazzo-maccioni-civitanova-2-325x217

Massimo Palazzo, Fabrizio Ciarapica e Alessandro Maccioni

Durante la riunione sono state analizzate le criticità relative all’affluenza al pronto soccorso, con valutazione delle differenze di presenza a seconda della fascia oraria giornaliera, e su suggerimento dei dirigenti delle diverse forze dell’ordine, si è concordato di attivare un sistema di videosorveglianza interno alla sala di attesa del pronto soccorso e uno esterno alla struttura ospedaliera, con particolare attenzione ai parcheggi. Inoltre, si è deciso di predisporre sistemi di chiamata interni verso le sale di pronto soccorso ed esterni con attivazione delle forze di polizia e di attivare una sorveglianza armata privata, per la copertura delle ore a maggior rischio di afflusso, con particolare attenzione alle ore notturne del venerdì e del sabato. Le forze dell’ordine presenti si sono impegnate a continuare a garantire passaggi all’interno dell’area ospedaliera delle pattuglie in servizio di vigilanza. A margine si è anche affrontato il problema della viabilità interna all’area ospedaliera, ed in particolare ai problemi correlati al “parcheggio selvaggio”, con occupazione anche dei posti auto destinati ai pazienti in dialisi ed ai disabili. Si è concordato, quindi, di rivedere la precedente ordinanza per renderla più attuale, individuando le aree di parcheggio consentite e le sanzioni comminabili, ivi compresa la rimozione forzata dell’auto in difetto. A breve sarà formalizzato un nuovo documento, concordato tra il comandante della polizia locale e il direttore medico del presidio ospedaliero.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X