Amadori accetta la sfida di Pianesi,
l’etichetta trasparente sui polli “Campese”

ALIMENTAZIONE - L'azienda leader del settore agroalimentare ha adottato l'informativa ideata dal fondatore della macrobiotica MA-PI. Più spiegazioni sull'origine e le caratteristiche dei prodotti. Nata nel 1980 per aumentare la consapevolezza dei consumatori è un eccellente strumento utile per combattere le frodi alimentari
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Fascia Campese 20161 particolare

L’etichetta trasparente utilizzata dalla ditta Amadori sui polli “Campese”

di Marco Ribechi

Una piccola rivoluzione è in atto nel settore alimentare. Francesco Amadori, titolare dell’omonima azienda leader nel settore agroalimentare, ha deciso di adottare l’etichetta trasparente ideata dal maceratese Mario Pianesi nel 1980. Amadori ha sposato la causa portata avanti dall’ideatore, fondatore e presidente dell’associazione Upm – Un Punto Macrobiotico – per informare i consumatori sulle origini dei prodotti acquistati. Nella linea di polli chiamata “Campese”, infatti, saranno specificate le caratteristiche, l’origine e il tipo di alimentazione fornita nell’allevamento sul modello di questa etichetta pensata per aggiungere alla tradizionale etichetta ulteriori informazioni sull’origine, sulle caratteristiche e sui consumi di risorse ambientali del prodotto e tutti i relativi passaggi della filiera di produzione, compreso il prezzo di acquisto della materia prima.

ETP Agricolo

L’etichetta trasparente pianesiana

L’idea di Pianesi nasce dall’educazione  di conoscere la provenienza e la qualità di ciò che si mangia tutti i giorni e dall’aver previsto un aumento delle frodi, soprattutto in ambito alimentare. La sua adozione facilita i controlli delle forze dell’ordine e rende più consapevole il consumatore sugli effetti delle sue scelte sull’ambiente e sulla propria salute. Presentata al Senato nel 2003 e al parlamento europeo nel 2008 e nel 2014, l’etichetta trasparente pianesiana è stata premiata nel 2015 da Assoutenti Liguria come migliore etichetta alimentare e nello stesso anno l’Adiconsum ha nominato Pianesi socio onorario per la sua quarantennale lotta in difesa della salute e dei diritti dei consumatori. Fino ad oggi è stata adottata da 32 aziende e su 3.167 prodotti (alimentari e non alimentari) distribuiti solo all’interno della realtà Upm. Inoltre, 29 Comuni delle Marche hanno sottoscritto un protocollo di intesa per promuoverne l’adozione a tutte le realtà produttive dei loro territori. A Roma è nato recentemente, con il patrocinio del ministero dello Sviluppo Economico, un  chiamato T.r.a.c.c.e. che, prendendo come esempio virtuoso l’Etichetta Trasparente Pianesiana, stimolerà le aziende ad adottarla e stilerà una lista delle aziende più “trasparenti” nell’informare i consumatori. In Italia si stima che 1 persona su 5 sia vittima di frodi alimentari (Coldiretti/Eurispes 2014) e che il 52% del cibo in commercio risulta italiano solo perchè la materia prima è stata lavorata nel nostro paese, pur proveniente dall’estero (Coldiretti 2015). L’onorevole Cristiana Muscardini, vice presidente della Commissione Commercio Estero l’ha definita “un fondamentale passo in avanti verso una maggiore tutela dei diritti di tutti i consumatori, un grande contributo per i controlli delle Forze dell’Ordine, una grande opportunità per tutti i produttori seri di farsi conoscere ed una effettiva moralizzazione di tutto il sistema”.

 

Fascia Campese 20161

L’etichetta completa dei polli “Campese”



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X