La minoranza si dimette
dalla commissione Banca Marche

REGIONE - La scelta dei consiglieri di M5s, Lega Nord, Fdi-An e Gruppo misto dopo l'elezione di Carloni alla presidenza con il voto del Pd. Il neo presidente: "Dobbiamo lavorare tutti insieme"
- caricamento letture
I partecipanti alla conferenza stampa di stamattina

I partecipanti alla conferenza stampa di stamattina

commissione banca marche dimissioni

 

Dimissioni dalla commissione d’indagine della Regione su Banca Marche. Le hanno annunciate oggi in una conferenza stampa le opposizioni (M5s, Lega Nord, Fdi-An e Gruppo misto) dopo l’elezione di Mirco Carloni (Area popolare) alla presidenza (leggi). Su Carloni sono confluiti i voti di Fi, Ap, Pd, Uniti per le Marche e Popolari Marche-Udc. Un “attacco alla democrazia”, secondo Sandro Zaffiri della Lega, che aveva avuto il voto delle opposizioni. “La Commissione d’indagine – ha spiegato Gianni Maggi, M5s – deve avere a garanzia rappresentanti della minoranza. E’ contro qualsiasi regola democratica che l’elezione avvenga con il sostegno della maggioranza. E questa è solo l’ultima di una serie di prevaricazioni”.

 

Mirco Carloni

Mirco Carloni

Il neo presidente Mirco Carloni  invita i colleghi a ritirare le dimissioni e a partecipare alla prima riunione della commissione fissata per martedì 23 febbraio:  “E’ arrivato il momento di dare una lettura storica di questi ultimi dieci anni e ricostruire non tanto le responsabilità giudiziarie che non competono a noi, ma i passaggi reali sottesi da questa vicenda. Occorre un’operazione verità e trasparenza nei confronti dei tanti marchigiani che hanno perso tutti i loro risparmi. Su questa vicenda dal 2010 in avanti non ho mai fatto sconti a nessuno e ho denunciato in prima persona alcune anomalie che riguardavano gli investimenti delle fondazioni bancarie del mio territorio che si stavano indebitando per comprare le azioni di Banca Marche, quando già Banca d’Italia avvertiva e scriveva sull’inopportunità che le fondazioni entrassero nell’azionariato delle Banche. Mi rammarico per le dimissioni di alcuni colleghi dell’opposizione. Ricordo loro solo una cosa: la mia candidatura è stata proposta è votata da Forza Italia. Pertanto li invito a ritirare le dimissioni e Dobbiamo lavorare tutti insieme perché la vicenda Bancamarche è uno dei temi cruciali su cui impegnarci in modo unitario per la salvaguardia e lo sviluppo del reddito e dell’occupazione delle Marche”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X