Faccia a faccia per il molo libero
La Capitaneria: “Il divieto rimane”

CIVITANOVA - L'incontro in Comune tra il comandante Michele Grottoli e il sindaco Tommaso Corvatta ha lasciato prevalere il buon senso. Permane il no sulla carta all'accesso sulla scogliera, ma non ci sarà intento vessatorio e sanzionatorio
- caricamento letture
L'incontro di oggi pomeriggio fra fruitori del porto, comune e Capitaneria

L’incontro di oggi pomeriggio fra fruitori del porto, comune e Capitaneria

di Laura Boccanera

Una ventina di persone hanno preso parte, in un clima disteso, all’incontro in Comune convocato dal sindaco con il comandante del porto Michele Grottoli. Al summit erano presenti, oltre a Tommaso Claudio Corvatta, all’intera giunta e al consigliere delegato alla sicurezza Antonio Colucci, il comandante Michele Grottoli, con i marescialli Michele Palermo e Pasquale Catapano e i rappresentanti della pesca sportiva, tra cui Fabio Rocchi, Franco Sollini, Massimo Fontana e il presidente Club vela Cristiana Mazzaferro. Un incontro definito positivo dalla giunta e nel quale sono emerse le diverse, ma non inconciliabili posizioni. Nel corso dell’incontro durato circa un’ora è stato fatto presente dai pescatori, scesi in strada domenica in segno di protesta al divieto (leggi l’articolo), la loro voglia di tornare a pescare sugli scogli, come da storia e tradizione si è sempre fatto. Il tenente di vascello ha ascoltato le richieste e la sintesi dell’incontro è stato all’insegna di un proposito di buon senso collettivo. Il divieto di accesso alla scogliera sulla carta rimane, ma rispetto al passato non cambia nulla. Nel regolamento del porto infatti è sempre stato vietato, a proprio rischio e pericolo, l’accesso sugli scogli, e nessuna sanzione è stata finora fatta per chi è stato sorpreso a camminare o pescare in quella zona. Le multe in realtà erano state inoltrate a coloro che avevano oltrepassato la zona sbarrata del molo foraneo prima dell’inizio dei

Il braccio foraneo del molo

Il braccio foraneo del molo

lavori. Grottoli nell’incontro ha chiarito anche che due provvedimenti presi durante il suo mandato sono stati provvedimenti di apertura, come il parcheggio aperto nell’area non operativa e la messa in sicurezza del molo foraneo con l’asfaltatura del piano di calpestio e la balaustra. «L’intento dell’amministrazione è di giungere ad un accordo, e di progredire verso la migliore soluzione possibile, nel rispetto delle regole – ha esordito Corvatta – L’amministrazione comunale deve giustamente accogliere i portatori di questa istanza, e più in generale dei residenti di Civitanova che fruiscono del porto come un importante punto di ritrovo dai tempi della sua costruzione». «Alla fine ha prevalso il buon senso – ha detto il vicesindaco Giulio Silenzi – rispetto al passato non è cambiato nulla, il divieto rimane, ma nessun pescatore è stato multato. Le associazioni sportive hanno espresso soddisfazione per l’incontro». Soddisfatto anche l’assessore moloai lavori pubblici Marco Poeta: «Abbiamo visto che in altre situazioni portuali al di fuori delle zone operative è possibile pescare, il porto rappresenta una ricchezza per la città – ha detto Poeta – e il fatto che sia molto frequentato da tante persone è anche una garanzia di sicurezza per evitare scambi illeciti. Di fatto recentemente si sono creati molti problemi e divergenze e sono felice che oggi in questo tavolo a tre si siano appianate. Lavoreremo tutti per garantire la sicurezza, ma anche la normale fruibilità della zona». Da parte sua l’associazione Golden Fish ha annunciato la costituzione di un comitato per la pesca sportiva, in modo da rappresentare al meglio le istanze della categoria, e ha ribadito la volontà di operare nel rispetto della legge e anche del decoro dell’ambiente a cui tengono molto. Nel prossimo incontro, anticipato dal sindaco per la settimana che verrà, si parlerà di migliorare gli accessi al porto per persone autorizzate e per le manifestazioni cittadine. «Credo sia stato un incontro utile su un tema molto sentito dai civitanovesi – le conclusioni del primo cittadino – Il comandante Grottoli ha ribadito di non poter autorizzare ciò che non è consentito dalle normative, ma ha anche garantito l’impegno della capitaneria ad un maggiore sforzo di dialogo per informare e consigliare i fruitori dell’area portuale».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X