Regionali bagarre centro destra
La Lega: “Correremo da soli”
FI: “Ci porteranno a sconfitta certa”

ELEZIONI - Il coordinatore del carroccio Luca Paolini segue le direttive di Salvini: "Non appoggeremo un governatore uscente che ha litigato con il Pd". Ceroni: "Chiederemo a Berlusconi il via libera per accordo con Marche 2020". Ciccioli (Fdi-An)" Opposizione con il Carroccio e con una terza civica". Romagnoli: " Condivido il richiamo all'unità che dovrà coinvolgere Roma"
- caricamento letture
ceroni paolini 2

Luca Paolini e Remigio Ceroni. E’ scontro nel centro destra regionale tra Lega e Forza Italia

Regionali: il centro destra non trova l’accordo e scoppia la bagarre tra Forza Italia e Lega Nord. “Correremo da soli” ha annunciato il segretario regionale del Carroccio Luca Rodolfo Paolini, rilanciando la posizione espressa dal leader Matteo Salvini: ”Se Forza Italia nelle Marche sostiene il governatore uscente del Pd – aveva detto in tv – che ha litigato con il Pd, io non vado con Spacca, vado da solo. Perdo ma vado da solò”.

Si è capito da subito – commenta il coordinatore regionale di Fi Remigio Ceroni – che la Lega non ha intenzione, pregiudizialmente, di partecipare ad alcuna coalizione, a prescindere dal candidato. Un atteggiamento che rischia di portarci a una sconfitta certa, e di cui la Lega si assume tutte le responsabilità. Ma sono convinto che anche senza di loro possiamo essere competitivi nelle Marche. Fi rimette ora ogni decisione al presidente Berlusconi, al quale chiederà il via libera a un’alleanza con Marche 2020 (probabile un incontro in settimana con il movimento del governatore uscente Spacca). “Riteniamo che la Lega – incalza Ceroni – debba essere lasciata da sola: faccia la sua strada, ma sappia che la riteniamo responsabile della divisione del centrodestra. Il progetto di Paolini è difforme dal nostro e guarda a qualche decimale in più piuttosto che a una reale proposta di cambiamento”.

Carlo Ciccioli portavoce regionale Fratelli d'Italia - Alleanza nazionale

Carlo Ciccioli portavoce regionale Fratelli d’Italia – Alleanza nazionale

“Sono davvero curioso – risponde Paolini – di sapere come spiegheranno ai loro elettori che l’uomo che hanno sempre descritto come il diavolo, sia diventato all’improvviso il campione degli oppositori al Pd. Noi, forse, come ha pronosticato Ceroni, prenderemo meno poltrone ma sicuramente salveremo la faccia”.

“Le posizioni si sono cristallizzate commenta il coordinatore regionale Fdi-An, Carlo Ciccioli. A questo punto faremo un’area di opposizione con la Lega e forse una terza lista civica. Eravamo per una grande coalizione. Il nostro atteggiamento – dice – era di massima apertura e accoglienza a Marche 2020, ma nel segno della discontinuità, con un accordo intorno a un candidato comune, che non fosse il governatore uscente Gian Mario Spacca. La segreteria regionale del partito dovrebbe riunirsi tra martedì e giovedì prossimi.

franca romagnoli

Il consigliere regionale Franca Romagnoli

Controbatte dall’altro fronte il consigliere regionale Franca Romagnoli, indipendente del gruppo centro destra Marche:”Da mesi dico che tutto, riforma elettorale in testa, era fatto per far vincere il Pd e avere la frammentazione del centro destra. Spero ancora in un sussulto, e condivido il richiamo all’unità di Ceroni che per aver effetto, dovrà coinvolgere Roma o, per l’ennesima volta, sarà confermata la marginalità delle Marche e della sua classe dirigente nonché il trionfo dei personalismi”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X